Poroshenko: la Russia prestò 3 mld di dollari all’Ucraina per allontanarla dalla UE

I tre miliardi di dollari in titoli di Stato ucraini acquistati dalla Russia nel 2013 rappresentano “una bustarella” per mantenere Kiev nella sfera di influenza di Mosca e allontanarla dall’Ue. Lo ha detto il presidente ucraino Petro Poroshenko in un’intervista a Bloomberg, scatenando l’ira del Cremlino che tramite il suo portavoce Dmitri Peskov ha chiesto al governo ucraino di chiarire se ha deciso di venire meno ai suoi obblighi finanziari nei confronti di Mosca.

Poroshenko però non dice che sta distruggendo il Paese facendosi prestare miliardi su miliardi da Fmi e UE che vogliono tenere l’Ucraina lontana dalla Russia.

Ucraina, Lagarde (Fmi): prestiti per 40 mld di euro

Il FMI presta altri 17,5 miliardi di euro all’Ucraina

Ucraina costretta a chiedere altri fondi in prestito al FMI

Ennesimo prestito, dalla UE 1,8 miliardi di euro all’Ucraina

La NATO vuole l’Ucraina, gli europei pagano: altri 1,8 miliardi di euro

I tre miliardi di dollari prestati da Mosca a Kiev nel dicembre di due anni fa rappresentano la prima tranche di un prestito da 15 miliardi con cui Mosca puntava a sostenere l’allora presidente ucraino Viktor Ianukovich dopo la sua marcia indietro sull’accordo di associazione con l’Ue che aveva scatenato la protesta di Maidan: una somma di cui la Russia esige la restituzione entro fine anno.

Video – L’amministrazione Obama è “coinvolta in attività criminali” in Ucraina

Il 19 maggio il parlamento ucraino ha approvato una legge che dà al governo il potere di introdurre, “se necessario”, una moratoria sul pagamento del debito estero “nei confronti dei creditori privati”, tra cui figurano anche i 3 miliardi di dollari in titoli di Stato acquistati dalla Russia nel 2013. Pur definendo “una tangente” il denaro arrivato da Mosca a favore dell’allora governo filorusso di Kiev, Poroshenko ha assicurato che “l’Ucraina dimostrerà un comportamento responsabile”. Non si è fatta attendere la risposta del Cremlino: “Quando sentiamo dichiarazioni di questo genere – ha affermato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov – ci aspettiamo che sia spiegato se l’attuale governo ucraino sta rinunciando alla continuita’ dei suoi obblighi, inclusi gli obblighi internazionali, di cui ci interessano in primo luogo gli obblighi finanziari e di altro tipo nei confronti della Russia“.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -