Il FMI presta altri 17,5 miliardi di euro all’Ucraina

 

Per l’Ucraina 17,5 miliardi di dollari in quattro anni, 5 subito. Li mette sul piatto il Fondo monetario internazionale per aiutare il Paese a trovare “immediata stabilizzazione economica”. Lo ha annunciato il direttore generale, Christine Lagarde.

Il finanziamento che arriverà dall’Fmi potrebbe far da volano per ulteriori prestiti e consentire una ristrutturazione del debito esistente. Un pacchetto che potrebbe arrivare a valere 40 miliardi.

“Si tratta – ha affermato il premier ucraino Arseny Yatseniuk – di un programma quariennale, concesso grazie alle riforme intraprese e che ci obbliga a non fermarci e ad andare avanti”.

E poi ha aggiunto “nonostante tutti i tentativi della Russia, siamo riusciti a convincere il mondo che stiamo facendo le riforme e il Fondo monetario internazionale ha preso una decisione per garantire sostegno finanziario all’Ucraina sulla base di queste riforme”.

Lo scorso anno il Fondo monetario internazionale aveva già concesso un prestito biennale da 17 miliardi all’Ucraina ma, alla luce anche dei combattimenti coi separatisti che vanno avanti nell’est, ha giudicato tale programma insufficiente per sostenere il governo nei suoi progetti di riforma.

Un ulteriore supporto arriva dalla Svezia: 100 milioni di dollari.

L’annuncio è stato fatto dal primo ministro del Paese scandinavo, Stefan Lofven, a Kiev per firmare due protocolli di collaborazione con il governo ucraino.

Lagarde, head of the International Monetary Fund (IMF) meets with Ukrainian President Poroshenko in the Swiss mountain resort of Davos



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -