La UE sta formando un Team per contrastare la (presunta) “propaganda russa”

lavaggio_cervello

di Giuseppe Masala

Un funzionario dell’Unione Europea ha dichiarato che le istituzioni di Bruxelles stanno creando un Team di Risposta Rapida alla (presunta) “propaganda russa”.

Questo Team sarà parte integrante del SEAE (European External Action Service) e sarà composto da circa una decina di persone — provenienti da alcuni paesi europei — e con la caratteristica di avere tra i propri skills un russo fluente.

Tra i compiti del Team — che entrerà in servizio operativo a partire dal prossimo primo Settembre — vi è quello di monitorare la “propaganda russa” e quello di consigliare le media’s company e le istituzioni nazionali sulle azioni da porre in essere per contrastarla.

Sempre secondo l’Unione Europea tutto questo può essere visto come la risposta delle Istituzioni di Bruxelles alla richiesta — fatta nel Marzo scorso dai capi di stato nazionali — di azioni in risposta “alla campagna di disinformazione posta in atto dai mass media russi”. (Ne hanno di coraggio a ribaltare a realtà, ndr)

A prima vista la notizia potrebbe essere derubricata tra le note di colore e tra le varie bizzarrie provenienti dall’Unione Europea quali, per esempio, il divieto di vendita di cetrioli con un diametro inferiore a quanto previsto dal Regolamento Europeo in materia. Ma ad un analisi più attenta però le cose sono ben diverse: l’informazione è materia strategica che plasma la coscienza e gli intendimenti dei popoli, dunque la notizia è da considerarsi di primaria importanza.

In sostanza l’Unione Europea dichiara ufficialmente di avere messo sotto commissariamento politico le informazioni — diffuse nel territorio europeo — riguardanti la Federazione Russa. Una decisione che, da un lato, va a confliggere con uno dei principi cardine delle democrazie liberali ovvero l’indipendenza assoluta degli organi di informazione rispetto al potere politico e che dall’altro lato è un paradosso degno di un universo orwelliano: per contrastare la presunta propaganda russa si procede ad istituire un team — dipendente da istituzioni politiche — incaricato di studiare una efficace propaganda antirussa.

L’ultimo dato curioso che non può non essere sottolineato è che questa notizia ha avuto risalto sia sui media russi, sia su quelli ucraini ed americani. I media europei (oggettivamente i più interessati) invece non hanno minimamente informato i lettori di questa novità sorprendente: Quando si dice avere “la coda di paglia”.

it.sputniknews.com

UE, Mogherini: una commissione per contrastare la “propaganda” della Russia

TG: La Fiera delle Notizie manipolate e strumentali!!!

VIDEO – Il più famoso giornalista tedesco: mi dettava tutto la CIA, siamo di fatto una colonia

Star del giornalismo: «Io e altri centinaia di reporter al soldo della Cia»

La scure del Pentagono si abbatte sui giornalisti: equiparati a spie o nemici

Gli USA stanziano 500mila dollari per parlare male della Russia

Video – Marcello Foa spiega come Renzi manipola l’informazione

Il Fmi addestra giornalisti di regime a diffondere le “verità” della Troika

UE: parte la propaganda pro-immigrazione nelle TV pubbliche

I media: strumenti di guerra non convenzionali diretti come marionette da forze esterne

Incontro a porte chiuse fra il gotha dei media americani e italiani, si sparla della Russia

Come i grandi media diffondono menzogne per convincere l’opinione pubblica

La nuova Dittatura della Propaganda e della Disinformazione

Come ti condiziono la stampa: la denuncia che scuote l’America

Marcello Foa: Come gli Spin Doctor manipolano i giornalisti



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -