La scure del Pentagono si abbatte sui giornalisti: equiparati a spie o nemici

censura-usa

 

E’ bufera sul Pentagono perche’, nella versione aggiornata delle sue linee-guida legali destinate agli ufficiali in comando, equipara in certe circostanze i giornalisti al seguito delle forze Usa al fronte a vere e proprie “spie”, o addirittura a “belligeranti senza titolo ad alcun privilegio”, come se si trattasse di soldati nemici.

In realta’ le direttive erano state pubblicate in giugno, ma erano passate sostanzialmente inosservate: finche’ non le ha riscoperte ‘The New York Times’ che, in un editoriale al vetriolo pubblicato oggi, denuncia come il lavoro dei corrispondenti di guerra rischi di diventare adesso “ancora piu’ pericoloso, difficile da svolgere ed esposto alla censura”. Il quotidiano mette quindi in guardia sui “gravi danni alle liberta’ di espressione” che potrebbero derivarne, e ne reclama pertanto la cancellazione.

In generale nel documento del ministero della Difesa americano i giornalisti sono indicati come civili da proteggere ma, si ammonisce, “riferire su operazioni militari puo’ risultare molto simile a raccogliere informazioni riservate, o addirittura a spiare”: in tal caso gli interessati “se catturati possono essere assoggettati a misure di sicurezza e puniti”. Per evitarlo “bisogna agire apertamente e con il permesso delle autorita’ competenti”.

Non solo: nel testo si ricorda che “in base al diritto bellico non sussiste alcun diritto speciale per quei giornalisti che entrino sul territorio di uno Stato o che accedano alle zone ove ne sono in corso operazioni militari senza il consenso dello Stato medesimo”. Quanto alla censura, molto semplicemente si osserva che “puo’ rendersi necessaria onde evitare che al nemico siano rivelate informazioni sensibili”.

Per il ‘New York Times’ tutto cio’ pero’ non solo “sembra in contrasto con la Costituzione e con la giurisprudenza” Usa, ma potrebbe persino fornire un appiglio “ai leader autoritari del mondo intero per dimostrare che il trattamento dispotico da essi riservato ai giornalisti, compresi quelli americani, e’ ampiamente coerente con i parametri fissati dal governo degli Stati Uniti”. In tal modo, e’ la conclusione, il Pentagono ha offerto una sponda insperata alla propaganda dei regimi dittatoriali.

Oltre al giornale di New York, molto critico era gia’ stato anche il Comitato per la Protezione dei Giornalisti, una ong dedita a tutelare la liberta’ di stampa, secondo cui tali direttive sono “auto-referenziali” e non avranno altro risultato che “ridurre gli standard” di protezione, un cui rafforzamento sarebbe invece piu’ mai necessario. (AGI) .

La nuova Dittatura della Propaganda e della Disinformazione

Come i grandi media diffondono menzogne per convincere l’opinione pubblica

Come ti condiziono la stampa: la denuncia che scuote l’America

Star del giornalismo: «Io e altri centinaia di reporter al soldo della Cia»

VIDEO – Il più famoso giornalista tedesco: mi dettava tutto la CIA, siamo di fatto una colonia



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -