Ucraina: il sedicente Stato islamico a fianco delle brigate neonaziste

 Secondo il New York Times, che ha intervistato uno dei comandanti delle brigate, Isis è già in Europa e combatte a fianco delle truppe neonaziste di Poroshenko, ovvero dalla parte di Unione Europea e USA.

 

Aslan Byutukayev,  ceceno che ha dichiarato apertamente la sua affiliazione allo Stato Islamico

Aslan Byutukayev, ceceno che ha dichiarato apertamente la sua affiliazione allo Stato Islamico

Il New York Times (che non è certo al servizio della “propaganda russa” di cui parlano le teste di legno della UE), conferma l’alleanza tra i miliziani dell’isis e i battaglioni neonazisti ucraini contro i separatisti filorussi. Questa allenza finirà con lo spalancare le porte dell’Europa al jihad. Noi di ImolaOggi lo scriviamo da tempo ed abbiamo spesso messo in risalto le analogie, specialmente nei metodi e nella crudeltà.

Il sodalizio islam-nazismo non è una novità storica, lo abbiamo già visto durante la Seconda Guerra Mondiale con le divisioni islamiche di SS croate, bosniache e albanesi.

Come abbiamo già riportato qui, l’esercito di Petro Poroshenko è un’accozzaglia di soldati svogliati, raccattati faticosamente dopo quattro ondate di mobilitazione. “Kiev è riuscita a reclutare soltanto gruppi di alcolisti, tossicodipendenti e idioti”, ha detto un consigliere del presidente.  Qui potete leggere uno dei tanti esempi >>>  Ucraina: soldato di Kiev ubriaco investe un’auto, ferito il conducente

Per questo motivo nel Paese sono arrivati 250 militari statunitensi che dovrebbero formare soldati ucraini secondo gli standard della NATO”, eppure  Poroshenko si affida sempre più alle milizie paramilitari di volontari (mercenari) dell’estrema destra neonazista, formate da uomini senza scrupoli, armate e finanziate da ricchi oligarchi ucraini: dai battaglioni Azov alle brigate di Settore Destro  (Potete vederli qui in azione mentre, in perfetto stile ISIS, decapitano il capo della polizia di Donetsk davanti alla moglie   https://www.youtube.com/watch?v=cP4Drl6KBdc).

E’ proprio nel Settore Destro che, secondo il New York Times, affluiscono i mercenari volontari jihadisti  del Caucaso russo e dalle repubbliche ex sovietiche dell’Asia centrale. Attualmente ci sarebbero tre unità di miliziani islamici anti-russi: la ‘Dzhokhar Dudayev’ e la ‘Sheikh Mansur’, dove prevalgono ceceni, daghestani e uzbechi, e la ‘Crimea’, composta prevalentemente da tatari  Insomma, una perfetta riedizione dell’alleanza nazi-islamista nata nei Balcani in funzione anti-sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale.  Su youtube ci sono già molti video >>

“Ci piace combattere i russi - dice  il comandante di uno dei tre battaglioni islamisti al New York Times – abbiamo sempre combattuto i russi”.

caucaso

Già da tempo i terroristi islamisti nel Caucaso russo hanno giurato fedeltà allo Stato islamico e circa 2.000 miliziani avrebbero combattuto nei ranghi del gruppo jihadista, in Siria e in Iraq, secondo fonti dei servizi segreti russi. “Noi proclamiamo la nostra fedeltà e obbedienza al Califfo”, noto come Abu Bakr al-Baghdadi, ha annunciato il principale gruppo di ribelli islamici, l’Emirato del Caucaso.

Noi possiamo testimoniare che tutti i combattenti del Caucaso, della Cecenia, del Daghestan, dell’Inguscezia e della Kabardino-Balkaria sono uniti in questa decisione e non hanno divergenze” continua in russo, con sottotitoli in arabo.

Putin accusa apertamente gli Usa: contatti diretti fra Cia e terroristi del Caucaso

Putin ha accusato apertamente gli Usa di aver sostenuto i terroristi del Caucaso, sin dal suo primo mandato presidenziale, iniziato 15 anni fa. Lo ha detto lo stesso leader del Cremlino in un’intervista per il film “Presidente”, andata in onda sul canale televisivo Rossia 1.

Putin nel film parla di “contatto diretto” tra i servizi segreti americani e i militanti del Caucaso del Nord. Il presidente russo ha detto che una volta i servizi speciali della Federazione russa hanno “registrato contatti diretti tra militanti del Caucaso del Nord e i rappresentanti dei servizi di intelligence degli Stati Uniti in Azerbaigian”.

Risorge il terrorismo ceceno, Putin: “sappiamo chi lo sostiene”

ISIS: demolire la Siria e poi far esplodere il Caucaso russo

Cecenia e Caucaso, perché ISIS è anche un problema russo

Qui sotto il battaglione Azov al sevizio del presidente ucraino Poroshenko

Qui una parata di neonazisti ucraini in perfetto stile ISIS

Viktoria Shilova, leader del movimento ucraino anti-bellico di Kiev e deputata del Consiglio Regionale di Dnipropetrovsk, ospite sulla TV Russa “Primo canale” ha avuto un acceso confronto con alcuni propagandisti del regime terroristico ucraino. La Shilova è famosa per le sue critiche al regime golpista di Kiev, che sostiene le operazioni punitive contro la popolazione del sud-est dell’Ucraina. Il regime ha aperto nei suoi confronti diversi atti d’accusa.

Armando Manocchia  @mail

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -