L’intelligence USA si accorge che per la Turchia la lotta a Isis non è una priorità

Joe Biden, James Clapper

 

Dopo che i giornali di mezzo mondo, noi compresi, denunciano da tempo il comportamento ambiguo della Turchia nei confronti dell’Isis, anche l‘intelligence americana si è decisa, con notevole e sospetto ritardo, a rilasciare dichiarazioni in tal senso

Turchia e Isis si parlano e comunicano “fraternamente”

Banche turche con sede a Londra fanno arrivare fondi all’Isis

Guerra all’Isis, la Turchia risponde picche: No alla coalizione e No alle basi

La Turchia esce allo scoperto: bombarda i curdi invece che l’Isis

Navi Usa sbarcano in Turchia, uomini e armi per l’Isis

Turchia: No alla coalizione perché Isis ha 49 ostaggi turchi. E Isis subito li libera

Partito curdo: ISIS è nato con 2000 militari turchi. Abbiamo le prove

Carri armati turchi attraversano il confine sotto le bandiere di ISIS

“Perché la Nato finge di non vedere i legami tra Isis e Turchia?”

La Turchia non considera una sua priorità la lotta contro lo Stato islamico (Isis) e questo permette ai jihadisti di muoversi liberamente verso la Siria. L’accusa è arrivata da James Clapper, il capo dell’intelligence Usa, che ha parlato di fronte alla commissione difesa del Senato degli Stati uniti.

“Io penso che la Turchia abbia altre priorità e altri interessi” ha detto lo zar dei servizi segreti americani. “I sondaggi della pubblica opinione in Turchia – ha continuato Clapper – non mostrano l’Isis come una minaccia primaria”.
L’effetto dell’approccio turco, secondo il funzionario americano, è quello di creare un contesto “permissivo” per il reclutamento dei “foreign fighter” che si recano in Siria per unirsi all’Isis. “Così qualcosa come il 60 per cento di questi combattenti stranieri trovano la loro strada verso la Siria attraverso la Turchia”.

Clapper ha anche ammesso che altri governi del Medio Oriente si sono mostrati in un primo momento riluttanti a unirsi alla coalizione anti-Isis, ma la “brutalità selvaggia” jihadista “ha avuto un effetto galvanizzante sull’opinione pubblica nella regione mediorientale” e ora c’è più volontà di unirsi agli Usa nello sforzo bellico e nella condivisione di informazioni d’intelligence.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -