Gli staccano l’acqua, 68enne muore d’infarto davanti a operaio del gestore idrico

acquaLUCCA SICULA (AGRIGENTO), 8 NOV – Muore per infarto davanti agli operai del gestore idrico che si erano appena presentati nella sua abitazione per effettuare il distacco del contatore dell’acqua.

È successo a Lucca Sicula. La vittima si è Salvatore Tafuro, pensionato di 68 anni, che sarebbe stato moroso. I suoi familiari hanno presentato un esposto alla Procura di Sciacca.

L’Italia stanzia altri 18,7 milioni per ridare una casa alla gente di Gaza (mentre italiani ridotti in miseria muoiono di disperazione o vivono in auto)

Nomadi con 7 mln di euro in banca. E noi paghiamo pure le loro bollette

Genova: i rom non pagano le bollette da 8 anni

Da 7 anni i bolognesi pagano acqua, luce e gas ai Rom

Vicenza: i nomadi non pagano, il Comune salda 59mila euro di bollette

Bologna: 59mila euro di bollette non pagate, piano fotovoltaico nei campi nomadi

Comune di Carpi: 70mila euro per pagare le bollette dei nomadi

Comune di Asti paga 693mila euro di bollette acqua ai nomadi



   

 

 

2 Commenti per “Gli staccano l’acqua, 68enne muore d’infarto davanti a operaio del gestore idrico”

  1. Siano maledetti tutti i nostri politici e morissero di sete !!!

  2. Ma non si dice che l’acqua è un bene primario e che quindi non può essere tolta?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -