Nomadi con 7 mln di euro in banca. E noi paghiamo pure le loro bollette

nomadi

 

19 settembre – Una vita a «canone zero». O meglio, a spese dei contribuenti del Comune di Roma Capitale. Dalla fornitura dell’alloggio, fino all’acqua, dall’energia elettrica al servizio Ama con la Tarsu: nulla ha un costo per i cittadini di etnia Rom che attestano di essere nulla tenenti, mentre in realtà possiedono centinaia di migliaia di euro.

Conti correnti dal valore complessivo di 7 milioni 423mila 714 euro sono stati infatti scovati, negli ultimi due anni, dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza. I finanzieri hanno squarciato il velo che celava la fasulla povertà annidata nei campi nomadi. Dietro le maschere dei mendicanti privi di mezzi minimi di sostentamento, si nascondevano veri e propri ricchi. Una paperopoli con cifre a sei zeri nascosta tra le cassette di sicurezza bancarie e i conti correnti postali, tutti sequestrati dalla Finanza. Denaro provento di attività illecite, celato per ottenere una vita a «costo zero», in danno del Comune di Roma ma anche e soprattutto dei cittadini, le stesse persone che ogni anno devono fare i conti con la crisi finanziaria e con un’imposizione fiscale rigida. Fortunatamente la Finanza, al comando del generale Ivano Maccani, ha alzato i controlli su questo fenomeno, che sembrerebbe essere assai diffuso tra i soggetti di etnia Rom.

I FALSI POVERI

Dietro la povera donna che chiede l’elemosina sulla metropolitana, una scena che si ripete quotidianamente anche tra le vie della Capitale, ci potrebbe essere una persona con un conto corrente da centinaia di migliaia di euro. D’altronde le verifiche investigative hanno fatto luce proprio su questo spaccato, quello dei mendicati vestiti con pochi stracci che, in realtà, hanno conti correnti che farebbero invidia a numerosi contribuenti italiano. In linea generale, è precisato nei documenti giudiziari, «occorre procedere alla ricognizione della capacità reddituale e patrimoniale dei preposti, posta in relazione con il valore dei beni di cui, direttamente o indirettamente, risultano disporre. I risultati degli accertamenti svolti dall’autorità di polizia giudiziaria (…) hanno messo in luce la notevole sproporzione tra i beni nella disponibilità dei preposti e le fonti di reddito lecite, note e dichiarate. In linea generale, fatta eccezione per talune posizione, le giacenze bancarie e postali non risultano adeguate alla modestia delle attività economiche svolte (raccolta materiali ferrosi, compravendita nei mercatini dell’usato) ai redditi e alle attività documentate dai preposti, sicché da tale sproporzione è dato desumere apprezzabili e sufficienti indizi che i beni siano comunque frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego». In altre parole, al fisco risultavano decine di persone con redditi esigui, che si arrangiavano trovando lavori di fortuna o piccoli espedienti per far quadrare i conti. Così il Comune dava il via libera elargendo loro i diritti previsti per i cittadini meno abbienti. Il tutto sulla base delle dichiarazioni dei redditi fraudolente. E così, i ricchi Rom si sono trovati ad avere – a spese dei cittadini romani – alloggi gratuiti, senza poi spendere neanche un euro per i servizi come la raccolta rifiuti, l’energia elettrica e l’acqua. «Dagli accertamenti svolti, mediante consultazione alla banca dati “Anagrafe tributaria”» è emerso un meccanismo attraverso il quale erano dichiarati «redditi assolutamente esigui». Ugualmente, però, i truffatori hanno ottenuto «assistenza, come impossidenti, da parte del Comune di Roma», avendo moduli «abitativi in campi nomadi attrezzati e usufruendo di tutti i servizi forniti da Roma Capitale senza alcun pagamento, quali: fornitura di alloggio (nessun canone), fornitura di acqua (nessun canone), fornitura di energia elettrica (nessun pagamento richiesto) e fornitura di raccoglitori Ama (nessun pagamento richiesto quale rimborso o pagamento Tarsu)».

RAGGIRO DELLA LEGGE

Sono 59 i falsi poveri di etnia Rom scovati dalla Finanza, solo nel 2013. Nei loro conti correnti è stata rinvenuta una cifra da capogiro: 5 milioni, 321mila 536 euro. Il trucco usato per nascondere i soldi era sempre lo stesso: «Concordava con ignoto – si legge negli atti a disposizione della procura- l’attribuzione fittizia a sé di somme di denaro». Le imponenti cifre, che in alcuni casi potevano arrivare fino a 372.816 euro, venivano depositate, secondo gli accertamenti delle forze dell’ordine, presso conti correnti bancari o postali, «al fine di eludere le disposizioni di legge in materia patrimoniale in quanto, dimostrando un tenore di vita particolarmente disagevole, allontanava da sè ogni forma di controllo idonea ad attivare l’applicazione di misure di prevenzione». In alcuni casi, un solo indagato riusciva ad aprire quattro conti correnti diversi ma, almeno per il fisco, risultava nullatenente, una persona degna di ricevere i diritti che lo stato e il Comune mettono a disposizione per i più bisognosi.

FURTI E RICETTAZIONE

Nel solo anno 2014, il lavoro degli uomini della Finanza ha portato al sequestro di oltre 2 milioni di euro. Un denaro dalla dubbia provenienza. Infatti, di questi soldi, solo 198mila 306 sono risultati essere di provenienza lecita. Il resto? Stando ai riscontri sul casellario giudiziario dei vari soggetti coinvolti, il denaro potrebbe essere ricondotto ai reati di furto aggravato, spaccio di sostanze stupefacenti, falsità ideologica e ricettazione. Tutti crimini che prevedono pene relativamente modeste e che permettono quindi agli imputati di mantenere la propria libertà, fuori dagli istituti penitenziari, almeno nella maggior parte dei casi.

LE DIFESE

Le difese, poi, si sono affrettate per cercare di giustificare la mole di denaro. Così, c’è chi ha detto di aver ricevuto una eredità paterna. Poi c’è il Rom che ha affermato di aver guadagnato 232mila euro lavorando come «insegnate di cultura e artigianato Rom». C’è anche chi ha voluto giustificare 131mila 518 euro come reddito ottenuto da collaborazioni con «l’organizzazione Arci solidarietà e l’attività di commercio presso il mercatino Rom di via Vasca Navale».

I controlli, come detto, non sono conclusi. Gli accertamenti sono su vasta scala, al fine di evitare truffe ai danni della Pubblica amministrazione e, soprattutto, dei cittadini oberati dalle tasse. Spaccato tutto da raccontare riguarda un soggetto che per giustificare i 43mila 63 euro sul suo conto corrente ha portato un documento del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in cui si attesta l’autorizzazione alla compravendita di auto. Peccato, però, che le somme di denaro risalivano nel tempo mentre la documentazione porta una data recente. Secondo gli atti «non può che osservarsi che non risulta riscontrata l’asserita origine lecita della somma sequestrata posto che la recente regolarizzazione dell’attività lavorativa (segnatamente l’autorizzazione di circolazione del Ministero per l’attività di compravendita di autovetture) da parte del preposto potrà al più produrre effetti per il futuro».

Andrea Ossino Ivan Cimmarusti – il tempo



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -