Covid, Sileri: se si vaccinano in pochi valuteremo obbligo

Io credo che la popolazione richiederà il vaccino e non ci saranno problemi. Ma se dopo un anno si sarà vaccinato solo il 30% della popolazione, allora qualche forma di obbligatorietà sarà necessaria, per fermare il virus”. E’ quanto ha affermato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto ad ‘Agorà’ su Rai 3, che “sul vaccino aspetto i risultati dell’Ema”. “Sicuramente non avremo la possibilità di vaccinare 30 milioni di italiani in un mese: che vuol dire che dobbiamo continuare a convivere con il virus”, ha aggiunto.

L’obbligo in caso di mancata vaccinazione volontaria, secondo Sileri, sarà necessario perché “non possiamo permetterci che il virus continui a circolare. Se oggi c’è qualche no-vax secondo il quale il vaccino non serve dopo 60-70mila morti, e a mio avviso saranno ancora di più fino a quando si arriverà a una protezione di gregge – riflette il viceministro e medico – mi dispiace per lui”.

La diffidenza verso il vaccino da parte degli italiani indicata dai sondaggi, spiega, è anche legata al fatto che “se ne parla male. Se se ne parla con i dubbi, se non vengono usate le parole giuste come quando si dice che è stato fatto ‘in fretta’, questo può far pensare che sia stato fatto male. Bisogna spiegare invece perché è stato fatto in maniera veloce”. In questo modo, la percentuale dei diffidenti “si ridurrà”.

Per Sileri, inoltre, “non possiamo permetterci il rischio di ritardi. Il virus potrebbe certo scomparire, ma potrebbe anche mutare rendendo inefficace il vaccino stesso”, conclude sottolineando che, per quanto riguarda la sicurezza e il controllo degli effetti dei vaccini anche dopo la vaccinazione, “la vigilanza che l’Aifa attua dà garanzie serie come per tutti i farmaci disponibili .  (adnkronos)

Condividi

 

One thought on “Covid, Sileri: se si vaccinano in pochi valuteremo obbligo

  1. Obbligo di vaccino un corno. La Costituzione lo vieta caro Si però, fattelo te il vaccino non testato

Comments are closed.