Migranti nella villa storica all’insaputa dei proprietari

 

villa-Gaibanella-migranti

Trenta richiedenti asilo (clandestini)  “ospitati in una villa storica di lusso all’insaputa della proprietà”. È “l’atto vergognoso di razzismo al contrario” denunciato dalla Lega Nord a Gaibanella, dove è in corso un braccio di ferro legale tra il titolare di una residenza di altissimo livello di via Ravenna e la cooperativa Camelot.

Ieri sera la ‘resa dei conti’: l’assessore Chiara Sapigni, affiancata da personale Camelot, ha incontrato i cittadini per annunciare loro l’arrivo degli immigrati. Ed è esplosa la contestazione. Il Carroccio – presente col proprio responsabile sicurezza Nicola Lodi che ha definito la riunione “la sceneggiata clou di questa amministrazione Pd” – ha già annunciato battaglia (“dovranno passare sul nostro cadavere, qui i clandestini non li facciamo arrivare. Siamo a fianco dei cittadini”).

La villa – “dotata di piscina con mosaico, idromassaggio, bagni ‘abitabili’, zona relax, saloni di ‘rappresentanza’, scalone d’onore, cucine modernissime, terrazzi da mille e una notte e un parco da 4mila mq” commenta chi ha visitato la struttura – è al centro di una disputa legale.

“Pare che i vecchi affittuari della villa – già denunciati dal proprietario e, a seguito di questo, destinatari di un ordine di sfratto, da eseguirsi entro il 20 settembre – abbiano autonomamente preso contatti per ‘subaffittare’ i locali a scopo di accoglienza – fa sapere Lodi -, all’insaputa dei proprietari. Si tratta di una villa storica, già sede di una locanda d’eccellenza, la Locanda della luna”.

“La situazione è imbarazzante – commenta il capogruppo leghista in Regione Alan Fabbri -. L’assessore Sapigni ancora una volta ha fatto un disastro. Una coop che riceve annualmente milioni di euro (soldi pubblici) dovrebbe verificare se la proprietà è d’accordo prima di utilizzare i locali di altri per i propri scopi”. […]

Leggi il seguito su www.estense.com



   

 

 

1 Commento per “Migranti nella villa storica all’insaputa dei proprietari”

  1. Non esiste limite alla umanita per i perseguitati clandestini.! fatta con la carità del sudore altrui……………..
    A Quando agli sfrattati. Derelitti. Pensionati sociali , gli verrà dato per la ricorrenza di Natale una Pasticca, di Strickinina.? … cosi cotribuiranno a rendere disponibile il denaro da loro percepito da VIVI.!
    Questa SI.! che E’ Economia.!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -