Imprenditore tedesco ucciso a Roma, arrestati i killer: sono tre romeni

 

ROMA – Oliver Degenhardt, il manager tedesco trovato morto in via dei Volsci lo scorso 6 novembre, è stato ucciso da tre persone. Sono questi gli esiti delle indagini dei Carabinieri di Roma che hanno tratto in arresto quattro persone.

Oliver-Degenhardt

I QUATTRO ARRESTATI – Si tratta di tre cittadini romeni di 23, 26 e 28 anni, fuggiti dall’Italia subito dopo il delitto, e di un 44enne, padre di uno dei tre, artista di strada, rintracciato dai Carabinieri a Roma, in un rifugio di fortuna lungo le rive del Tevere, luogo in cui sono stati trovati alcuni oggetti della vittima, asportati dopo l’omicidio. Per questo il 44enne è accusato, oltre che di favoreggiamento, anche di ricettazione.

Il manager tedesco fu trovato morto con un taglio alla gola e ferite alla testa inferte con un corpo contundente, dai vigili del fuoco intervenuti per spegnere un incendio che aveva gravemente danneggiato l’abitazione. Ad appiccarlo gli stessi assassini al fine di cancellare le loro tracce. Dall’appartamento devastato mancavano alcuni oggetti di valore appartenuti alla vittima.

La pista investigativa seguita, dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma condotte attraverso complesse attività tecniche e scientifiche, ha permesso al Gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta del Pubblico Ministero Giovanni Musarò, di emettere un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei responsabili che sono stati tutti catturati, due in Romania e uno in Norvegia. (Da RomaToday)

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -