Ema, Ok a mezza dose di Moderna 6 mesi dopo la seconda

dopo il vaccino Moderna

Il comitato per i medicinali per uso umano dell’Ema, ha concluso lo studio sul vaccino Spikevax (Moderna) contro il Covid: basterebbe mezza dose per poter fare la terza somministrazione. Secondo l’agenzia europea, la dose somministrata da 6 a 8 mesi dopo la seconda, “ha portato a un aumento dei livelli di anticorpi negli adulti, che stavano diminuendo”.

L’andamento degli effetti collaterali dopo il richiamo, sarebbe simile a quello che si verifica dopo la seconda dose, con un rischio molto basso – “raro” – di condizioni cardiache infiammatorie o altri effetti collaterali. Ad inizio Ottobre il via libera per Pfizer Ai primi del mese lo stesso comitato aveva concluso che una dose di richiamo di Comirnaty (BioNTech Pfizer) può essere presa in considerazione almeno 6 mesi dopo la seconda dose, sempre per over 18 anni.

Inoltre dall’Ema la raccomandazione della dose extra – il cosiddetto “booster” – di Pfizer o Moderna a persone con sistema immunitario gravemente indebolito, almeno 28 giorni dopo la seconda somministrazione.  www.rainews.it

Vaccini a prezzi gonfiati: Big Pharma ha incassato 31 miliardi in più
Vaccini Covid, con i richiami Pfizer e Moderna incasseranno miliardi di dollari
Pfizer: trimestre boom, ricavi a 14,58 miliardi di dollari
Paragone sui vaccini: “Profitti allucinanti. Business da 160 miliardi”

Condividi