Covid, Palù: “Nessun dubbio su anticorpi monoclonali, usarli ora”

monoclonali Palù

Gli anticorpi monoclonali, già autorizzati in altri Paesi in via emergenziale, inclusi gli Stati Uniti, ma non ancora da Italia e Europa, sono “salvavita” e “sulla loro efficacia ci sono fior di studi e nessuna controindicazione”. A entrare nel dibattito sull’utilizzo dei farmaci utilizzati anche da Trump, è stato il presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco Giorgio Palù che ha invitato a ricorrere a “un utilizzo emergenziale” anche in Italia, perché di queste armi “abbiamo bisogno soprattutto ora che c’è carenza di vaccini”. Lo stesso ministro della Salute Roberto Speranza sarebbe in “pressing” sull’Aifa per accelerare il via libera agli anticorpi monoclonali.

“Studi di fase 3 hanno mostrato come i monoclonali, se somministrati in fase precoce, riducono i ricoveri del 70% e la mortalità in soggetti gracili”, ha detto Palù su Rai Radio1 e ha ricordato che la Commissione Tecnico Scientifica dell’Aifa “si è espressa però dicendo che bisognerebbe attendere la validazione dell’Ema e che ci sono dubbi sull’efficacia, dubbi che non ravviso minimamente – ha affermato -. Questa ortodossia non era necessaria in questo momento, perché abbiamo sia lo strumento giuridico, cioè la possibilità di decretazione d’urgenza da parte del ministero, sia i dati pubblicati”.

Sui monoclonali Aifa si è sempre detta “aperta” e uno studio promosso dall’ente regolatorio partirà a breve in Italia. Ma Palù ha aggiunto: “Ho sottoposto a Speranza il fatto che c’è la possibilità e il razionale scientifico per indurre a ricorrere a una decretazione d’urgenza, che acceleri i normali iter autorizzativi”. “Abbiamo bisogno di un approccio combinato di prevenzione attraverso i vaccini e di una terapia con farmaci efficaci e gli anticorpi monoclonali – ha spiegato Palù – sono i farmaci più efficaci che conosciamo in base a studi pubblicati di fase 3”.  tgcom24.mediaset.it

Covid, Silvestri: “Chi ha frenato gli anticorpi monoclonali in Italia deve spiegare perché”
Accuse pesanti.

 

Condividi