Conclusa la soap opera Pd-M5S sulle riforme, nulla di fatto

m5s-pd

 

18 lug. – Non ci sara’ alcun incontro tra Cinque Stelle e Pd dopo quello di ieri. “Il M5S era disposto a chiudere ieri. Ci dispiace, ma non c’e’ piu’ tempo”, scrivono i Cinque Stelle sul Blog di Beppe Grillo. “Alla fine, l’incontro con il Pd si e’ svolto ed e’ durato un’ora e mezza. Certo, dopo ben 25 giorni di fitto e intenso rapporto epistolare ci saremmo aspettati che arrivassero al tavolo con idee piu’ chiare, una maggiore concretezza e anche piu’ preparati. Ma non si puo’ pretendere la luna. Malgrado i proclami di rapidita’, il succo e’ che su quasi tutto si e’ preso bradipescamente altro tempo.

Trattativa completa quindi che dovrebbe essere rinviata a una data ipotetica e condizionata alle mille vicissitudini parlamentari. Renzi parla di 15 giorni ma potrebbe slittare addirittura a settembre. Il M5S era pronto a chiudere ieri. Ci dispiace per il Pd ma non c’e’ piu’ tempo. Il M5S non se la sente di prendere per il culo i cittadini italiani per un’intera estate”, scrivono i componenti della delegazione, delegazione M5S Luigi Di Maio, Danilo Toninelli, Paola Carinelli, Vito Petrocelli. ”

Resta la grande soddisfazione per l’apertura e il parere positivo ottenuti sull’introduzione delle preferenze nella legge elettorale che a questo punto diamo per confermati e che voteremo dopo la ratifica della proposta di legge elettorale concordata ad oggi degli iscritti on line”, aggiungono i Cinque Stelle: “Il tema delle preferenze per noi e’ fondamentale, e’ una battaglia iniziata nel 2007 con il primo Vday e con la raccolta di 350.000 firme per l’iniziativa di legge popolare ‘Parlamento Pulito’. Quindi, almeno per questo, grazie a Renzi per aver accolto la proposta di un Parlamento di eletti e non di ‘nominati’. Del resto Renzi stesso si era pronunciato in passato apertamente contro un Parlamento di ‘nominati'”, concludono. agi

Condividi