Chiuse indagini sul sindaco di Riace

Condividi

 

LOCRI (REGGIO CALABRIA), 23 DIC – La Procura di Locri ha chiuso le indagini nei confronti del sindaco sospeso di Riace Mimmo Lucano ed altre 30 persone nell’inchiesta Xenia condotta dai finanzieri del Gruppo di Locri su presunte irregolarità nella gestione dell’accoglienza dei migranti nel comune del reggino.

La Procura contesta a Lucano anche associazione per delinquere, truffa, falso, concorso in corruzione, abuso d’ufficio e malversazione. Lucano era stato posto agli arresti domiciliari il 2 ottobre scorso – poi revocati il 16 ottobre e sostituiti dal divieto di dimora a Riace – con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed illeciti nell’affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. Adesso il pm contesta anche i reati più gravi per i quali il gip non aveva accolto la richiesta d’arresto.



“Sono tranquillo con la mia coscienza perché non ho fatto niente, anzi ho cercato di aiutare umanamente e non mi sono approfittato di nulla; mi auguro che prevalga la coscienza” ha vuto il coraggio di dire Lucano.

Il sistema Riace: voti, matrimoni falsi, migranti trattati come numeri, 2 milioni di euro spariti

Tribunale del Riesame: a Riace «sistema opaco e inverminato di illegalità»

Il sindaco indagato: sogno il Premio Nobel per Riace

Riace, procuratore di Locri: spariti 2 milioni, il sindaco li avrebbe usati per fini personali

Il modello Riace: fatture false, costi gonfiati, gestione opaca, finti matrimoni e gravi irregolarità

Riace, Lucano: continueremo a fare accoglienza con la solidarietà internazionale

Riace, prefetto Morcone (Pd): “Avvertii Lucano di stare attento, ma era in una specie di delirio”

Giustizia calpestata, Riace: sindaco ai domiciliari invita giornalisti a casa

Modello Riace, “veniva fatta la cresta perfino sulle spese di carburante”



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -