Tribunale del Riesame: a Riace «sistema opaco e inverminato di illegalità»

Condividi

 

L’altro Corriere Tv

Il Tribunale del Riesame demolisce il modello Riace. Per i giudici Lucano «non può gestire la cosa pubblica né gestire denaro pubblico» perché «in nome dei principi umanitari viola la legge in maniera allarmante». Una accusa pesante, piu’ di quella formulata dal Gip: quello che emerge non è un quadro roseo né del paese dell’accoglienza, né del suo sindaco, oggi sospeso.



Un processo degenerativo, dice il Riesame, con «una mala e opaca gestione, mille violazioni di legge e una volontà sempre più forte ed incontenibile del Lucano di dare l’immagine al mondo esterno di un modello di integrazione e di salvarne ed esportarne le fattezze esteriori a tutti i costi, più che di far sì che quel modello apparentemente perfetto lo fosse invero realmente. Egli non puo’ gestire la cosa pubblica, è completamente incapace di farlo».

Disprezzo e sperpero del denaro pubblico“. Lucano sarebbe affetto da una specie di delirio di onnipotenza. Nessuno poteva contestare le sue violazioni della legge.

Lucano sognava addirittura il Nobel!

Il sindaco indagato: sogno il Premio Nobel per Riace



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -