Gli italiani diventeranno estranei in casa loro

Italia. Uno dei più antichi territori civili del continente europeo. In un lontano passato, Roma dominava l’Europa. Le sue città fiorirono e furono piene di vita.

Oggi, i paesi italiani si sono svuotati . I giovani si trasferiscono nelle città o cercano un futuro più luminoso all’estero. I pochi che rimangono semplicemente non hanno abbastanza bambini per mantenere la popolazione. Il sindaco di uno di questi piccoli centri, Domenico Lucano, ha trovato una soluzione interessante a questo problema di spopolamento. Il suo paese, Riace, ha invitato i migranti a ringiovanire la città

Abuso d’ufficio, concussione e truffa: indagato sindaco immigrofilo di Riace

Attualmente circa un quarto dei duemila abitanti sono migranti, provenienti principalmente dall’Africa e dall’Asia. Gli italiani nativi che vivono ancora lì sono per lo più anziani. The Guardian afferma che la città si è “assicurato il proprio futuro”.

Sebbene sia più facilmente visibile nei piccoli villaggi, questa è una tendenza che si svolge a livello nazionale.

La popolazione italiana

Per capire il cambiamento, dobbiamo prima capire il presente. L’Italia ha una popolazione di poco più di 60 milioni di persone, un numero che è stato abbastanza stabile negli ultimi dieci anni. Negli ultimi anni, dal 2015, la popolazione italiana sta diminuendo a causa della povertà diffusa.

  Il tasso di fertilità in Italia è molto inferiore al tasso di sostituzione di 2,1, seduto a 1,37. La popolazione complessiva ha un’età media di 44,9 anni e quasi un italiano su quattro ha più di 65 anni.

Con un tasso di fertilità di 1,37, entro quattro generazioni 10 milioni di abitanti saranno diventati 3 milioni.
L’Italia non ha visto un simile declino della popolazione dai tempi della pesta nera. L’unica differenza è che questa volta, piuttosto che le persone che muoiono, il problema sono quelle che non sono mai nate.

Ci sono 5,4 milioni di italiani che vivono all’estero, oltre 1,5 milioni dei quali si sono trasferiti dopo la crisi economica del 2008. Il totale rappresenta ora quasi il 10% del totale degli italiani e una quantità sproporzionata di giovani.

La disoccupazione relativamente elevata sta spingendo via i giovani e i disperati. Il tasso di disoccupazione in Italia si attesta al 10,8%, con una disoccupazione giovanile di oltre il 30%

In un paese che è già fuori equilibrio a causa della mancanza di nascite, l’emigrazione contribuisce ulteriormente al declino della popolazione.

Nel 2002 il numero totale di cittadini stranieri residenti in Italia è stato di oltre 1 milione . Dal 2015 ci sono oltre 5 milioni di cittadini stranieri, che si avvicinano al 10% della popolazione totale , escludendo quelli che hanno acquisito la cittadinanza italiana e  gli immigrati illegali.

Vale la pena di notare che la metà degli stranieri proviene da altri paesi europei, in particolare la Romania. Circa la metà degli europei proviene da paesi non UE come l’Albania e l’Ucraina. L’altra metà proviene principalmente dall’Africa e dall’Asia.

L’afflusso di cittadini extracomunitari in Italia nel solo 2016 è stato di 226.000 . La maggior parte di questi è arrivata con il ricongiungimento familiare (45%), poi per motivi umanitari e asilo (34%).

185.000 immigrati hanno acquisito la cittadinanza italiana nel 2016 e quindi hanno cessato di appartenere alla categoria di cittadini stranieri. Da quel momento in poi saranno considerati parte della popolazione italiana regolare. Questi 185.000 sono principalmente marocchini e albanesi, oltre a una quantità significativa di indiani, bengalesi e pakistani.

Prima dell’inizio della crisi dei migranti, c’erano già circa 670.000 immigrati clandestini in Italia nel 2008; nel solo 2016 altri 180.000 migranti illegali sono arrivati in Italia dalla Libia.

Nondimeno, la rimozione di mezzo milione di immigrati illegali è ancora un tema caldo nella politica italiana. L’anno scorso la guardia costiera italiana ha sequestrato una nave non governativa gestita da un’organizzazione tedesca, sostenendo che stava aiutando l’immigrazione clandestina dalla costa libica verso l’Italia. Eppure, allo stesso tempo, il governo italiano ha deciso di bypassare il Mar Mediterraneo e ha promesso di portare 10.000 libici a Roma in aereo.

Attualmente il 4,8% degli italiani è musulmano, quasi tre milioni di persone. Secondo Pew Research questi saranno tra l’8% e il 14% entro il 2050. L’intervallo varia dall’8% con migrazione zero, al 14% con uno scenario di migrazione elevato, come abbiamo visto negli ultimi anni. Tuttavia, questi numeri escludono gli immigrati clandestini, di cui non si conosce la loro inclinazione religiosa, ma  si potrebbe formulare un’ipotesi basata sui paesi di origine e concludere che un’ampia percentuale di immigrati clandestini è musulmana.

L’attuale presenza dell’Islam è dovuta semplicemente ai migranti che arrivano dai paesi islamici .

Come si vede dai nostri calcoli, un quarto della sostituzione della popolazione proviene attualmente dagli immigrati in quanto hanno in media una giovane età e un tasso di fertilità più alto.

Abbiamo detto sopra che le generazioni si stanno riducendo. Con una fertilità di 1,37, i 474.000 bambini nati l’anno scorso creeranno solo 325.000 bambini e 222.000 nipoti.  Se la fertilità attuale continua e la migrazione continua in una tendenza simile, entro quattro generazioni la maggior parte dei nuovi nati saranno figli dei migranti che entreranno nel paese.

Nello scenario sopra, vorrà dire che da quel momento in poi, gli italiani diventeranno una minoranza nel loro stesso paese. Poiché una generazione dura circa venticinque anni, raggiungeremo questo punto di svolta entro un secolo.

Ora, ricordiamo che il 4,8% degli italiani è islamico. In tutta Europa, il tasso medio di fertilità per i musulmani è 2,6 rispetto all’1,37 italiano. Prima di tutto, ciò significherebbe che i musulmani sono sovrarappresentati rispetto al loro 4,8% nelle 474.000 nascite, poiché le donne musulmane hanno maggiori probabilità di avere figli.

Aggiungendo tutti i fattori per i quali i dati non sono disponibili, o i calcoli vanno che oltre le nostre capacità, avremmo risultati più esatti e scioccanti.

Gli italiani possono mantenere la maggioranza per un po ‘di tempo, ma il suo predominio sarà nella categoria 65+, piuttosto che nella gioventù e nella mezza età che controllano la nazione. Gli italiani diventeranno estranei nel loro stesso paese.

  Già oggi il 52% degli italiani è d’accordo con la frase “Ci sono così tanti stranieri qui che non si sente più a casa” …

Tratto da  https://voiceofeurope.com

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -