Carcere di Verona: ​boss albanese fa festa in cella e posta foto su facebook

 

L’anno scorso Emanuel Demaj ha gambizzato un suo rivale nel malaffare davanti a un locale di Vicenza. Oggi aspetta la condanna in carcere. Rischia ben sedici anni di reclusione per le rapine che ha messo a segno insieme alla sua banda di malviventi. Lui, però, non se la passa male a giudicare dalle fotografie che posta su Facebook.

boss-albanese-carcere-verona

L’ultima lo immortala al centro di una tavola imbandita nella sua cella per festeggiare il compleanno di un amico. Brindano, mangiano la torta, si divertono. Dentro al carcere di Montorio, in provincia di Verona.

La vergognosa fotografia sta facendo il giro dei social network. In molti si chiedono come sia possibile che il boss albanese abbia un cellulare che gli permetta di scattare fotografie, navigare in rete e mantenere contatti con l’esterno.

Non è la prima volta che viene pizzicato con uno smartphone. Quando lo avevano boccato, lo usava per chiamare il fratello Erion che erano rinchiuso nel carcere di Lione. Il telefonino gli era stato immediatamente tolto. Ma la fotografia recentemente postata su Facebook dimostra che Demaj non ci ha messo molto a procurarsene un altro. Il sorriso beffardo che sfoggia nella fotografia è una sfida alla giustizia italiana, uno schiaffo al nostro sistema carcerario, uno sputo in faccia al giudice che lo condannerà. Perché Demaj in carcere andrà avanti a fare la stessa vita che conduceva prima di entrarvi.  IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -