Paesi balcanici limitano gli accessi, la Croazia blocca i “migranti economici”

 

I Paesi balcanici apriranno le loro frontiere solo ai migranti in fuga da Medio Oriente ed Afghanistan, non più a quelli originari di Asia ed Africa: dopo la Slovenia, infatti, Macedonia e Serbia si sono mosse in tal senso, rendendo noto che non avrebbero accettato i cosiddetti “migranti economici”, quelli non provenienti, cioè, da zone di guerra.

croazia

“Al confine con la Grecia – dice Alexandra Kraus, coordinatrice dell’Agenzia ONU per i Rifugiati -, la situazione è relativamente calma, abbiamo oltre 1500 persone in attesa di varcare il confine”.

Anche la Croazia ha annunciato che, con decorrenza immediata, continuerà ad accogliere solo i profughi provenienti da zone in cui è in atto un conflitto bellico, in primis da Siria, Iraq e Afghanistan: della decisione sono stati informati i Governi limitrofi.

“Abbiamo ricevuto una richiesta dalla Slovenia – afferma invece il Ministro dell’Interno croato, Ostojic -, dove c’era un folto gruppo di persone provenienti da Paesi che dovrebbero scoraggiare la migrazione, stando al Piano-Juncker: cittadini del Marocco, Bangladesh, Sri Lanka, Algeria, Liberia, Sudan, Congo e Pakistan. Ebbene, abbiamo negato tale richiesta”.

Le restrizioni sarebbero state decise a seguito del ritrovamento di un passaporto siriano accanto al corpo di uno degli autori coinvolti negli attacchi di Parigi. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -