I giovani italiani sono senza speranza: sei su dieci pronti a lasciare il Paese

emigrazione-giovani

 

I giovani italiani hanno perso la speranza e il 90 per cento di loro è convinto che per trovare un vero lavoro l’unica cosa da fare sia partire e lasciarsi l’Italia alle spalle.

È quanto emerge dal recente Rapporto Giovani sul tema “mobilità per studio e lavoro” presentato oggi a Treviso e promosso dall’Istituto Giuseppe Toniolo in collaborazione con l’Università Cattolica e il sostegno di Fondazione Cariplo e Intesa San Paolo. L’indagine è stata elaborata a partire da un panel di 1000 giovani tra i 18 e i 32 anni. (non molti, ma il quadro è significativo)

SOSTITUZIONE ETNICA Boldrini: i migranti avanguardia di uno stile di vita che presto sarà quello di molti di noi

Il rapporto fotografa una situazione drammatica, con i giovani alle prese con una presa d’atto legata consapevolezza che oggi il nostro Paese offre alle nuove generazioni opportunità sensibilmente inferiori rispetto a quelle degli altri paesi sviluppati. Un divario che difficilmente verrà colmato nei prossimi anni, sostengono gli intervistati.

Secondo i dati del rapporto, l’83,4 per cento dei giovani che hanno risposto al sondaggio è disposto a cambiare città stabilmente per trovare migliori possibilità di lavoro, mentre il 61,1 per cento di questi si dichiara disponibile a cercare lavoro all’estero. Tra chi è pronto a partire, oltre uno su tre sta concretamente valutando la possibilità di farlo entro il 2016.

Ma quali sono i paesi che i giovani italiani considerano più attrattivi come esperienza di lavoro (non necessariamente definitiva)? Australia, Usa e Regno Unito raccolgono insieme oltre la metà delle risposte (il 54,8 per cento) e hanno anche il vantaggio di avere l’inglese come lingua. Segue poi la Germania, un paese che presenta una disoccupazione giovanile particolarmente bassa. A distanza Canada, Francia, Austria, Svizzera e Belgio. In pochi ormai vorrebbero andare in Spagna (1,5 per cento), ritenuta attrattiva in passato ma colpita, con la crisi, da tassi di disoccupazione giovanile molto elevati.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -