Petrolio, Gartman: “la fase ribassista terminerà dopo le liquidazioni a catena”

(WSI) – La fase ribassista del mercato petrolifero Usa continuerà ancora, prima di interrompersi con una serie di “liquidazioni aziendali” che saranno dettate dal panico.

petrolio

Lo prevede il guru degli investimenti Dennis Gartman, autore della newsletter più seguita dalla comunità di Wall Street. Secondo Gartman la crisi del greggio non finirà presto. “Non finirà a fine anno, finirà quando finirà”.

Lo scenario è decisamente cupo. “Segnatevelo: finirà dopo l’annuncio di cinque o sei fallimenti societari. Finirà quando ci saranno operazioni di fusione e acquisizione che interverranno“, ha dichiarato all’emittente CNBC Gartman, grande esperto dei mercati finanziari con specializzazione nelle materie prime.

I futures sul greggio scambiati sul mercato Wti hanno chiuso ai minimi di oltre sei anni ieri, raggiungendo quota 40,80 dollari al barile. A influenzare negativamente gli scambi sono stati i timori per il calo della domanda, complice il rallentamento dell’economia cinese e la svalutazione massiccia dello yuan, oltre all’inatteso incremento delle scorte settimanali di barili di oro nero negli Stati Uniti.

Il greggio ha perso circa un terzo del suo valore da giugno. La produzione Usa è a una quota record e i costi di produzione sembrano attraversare un periodo di cali. L’offerta dovrebbe nel frattempo restare alta, con l’Opec che da ormai un anno che mantiene invariati i livelli di produzione nonostante un mercato saturo.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -