La UE paga 23,5 mln di euro di salari e pensioni a 68.500 palestinesi

euro

 

10 DIC – L’Unione europea continua ad aiutare l’Autorità palestinese, in costante crisi finanziaria. Bruxelles ha dato un contributo di circa 23,5 milioni di euro per pagare i salari e le pensioni di circa 68.500 dipendenti pubblici e pensionati in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Questi aiuti economici arrivano dall’Unione europea (18,3 milioni di euro) e dai governi di Svezia (4,3 milioni di euro) e Olanda (900mila euro).

“Siamo pienamente coscienti delle difficoltà finanziarie che l’Autorità palestinese sta affrontando, in particolare in un periodo in cui sta lavorando per assumere la piena responsabilità di Gaza” ha spiegato il rappresentante Ue, John Gatt-Rutter, auspicando che “altri donatori forniranno generosamente assistenza per consentire all’Autorità palestinese di continuare a funzionare in maniera efficace ed efficiente”. L’Autorità palestinese “ha fatto progressi concreti importanti negli ultimi anni nella costruzione delle istituzioni del futuro Stato palestinese” ha aggiunto il rappresentante dell’Unione europea. “L’Ue continuerà a sostenere questi sforzi, non solo per garantire servizi essenziali destinati alla popolazione palestinese, ma anche come parte del suo contributo alla costruzione dello Stato palestinese” ha concluso Gatt-Rutter. (ANSAmed).

Nel frattempo in Grecia vengono pestati i disabili che chiedono assistenza

Orrore in Grecia: la polizia antisommossa carica anche i disabili su sedia a rotelle

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “La UE paga 23,5 mln di euro di salari e pensioni a 68.500 palestinesi”

  1. a dimenticato di dire al contributo ai tunelim terroristi e riempire la tasche dei dirigenti palestinesi

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -