Vivono attaccati al respiratore, arriva Equitalia perché non possono pagare le bollette

disabili

 

25 nov – “Aiutate i nostri genitori o faremo staccare loro la spina ai nostri macchinari”. E’ l’ultimo appello lanciato da Sergio e Marco Quarta, i due fratelli gemelli di Merine, nel Leccese, affetti sin da piccoli dalla sindrome di Deuchenne e costretti entrambi a vivere a letto, attaccati ad un respiratore, in un ambiente perennemente climatizzato allestito dai genitori nella loro piccola casa nel comune salentino.

Vendola, 170mila euro di fondi pubblici: aperto un centro per cambiare sesso

La decisione dopo l’arrivo di una cartella di Equitalia – L’appello è stato lanciato da Sergio, uno dei due gemelli, che l’ha scritto con il suo comunicatore durante uno dei tanti momenti di sconforto del padre Antonio, dovuto all’ennesima cartella di Equitalia ricevuta questa volta per una bolletta da 1.300 euro per la spazzatura non pagata e che farà scattare il fermo amministrativo dell’auto dell’uomo.

foto ilrestodelcarlino.it

foto ilrestodelcarlino.it

Il padre: “Sergio si è accorto che qualcosa non va e mi ha chiesto di staccare la spina” – “E’ solo l’ultimo di una lunga serie di problemi – commenta desolato Antonio Quarta – come se non bastasse si è aggiunta in questi giorni anche la bolletta per il gas metano. Tremila euro e rotti da pagare. Ma come faccio? Se mi fermano anche l’auto è finita. Come potrò muovermi? Purtroppo – continua Antonio – Sergio e Marco sono ragazzi intelligenti che capiscono tutto, anche le continue difficoltà legate alla loro complicata assistenza che tento loro di nascondere. L’altro giorno Sergio si è accorto che qualcosa non andava, mi ha chiesto spiegazioni e mi ha chiesto di staccare la spina”.

Appello rivolto alla Regione Puglia – L’appello è rivolto ancora una volta, come già avvenuto in passato per altre difficoltà legate all’assistenza dei gemelli, alla Regione Puglia che, come sostiene il signor Antonio “da anni ormai non risponde più alle nostre sollecitazioni”, l’ ultima riguarda l’assegno personalizzato richiesto per Sergio e Marco e ancora non corrisposto. TGCOM24



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -