Cose divertenti accadono in Ucraina

23 agosto – Dunque c’era questa fila di camion Russi completamente ispezionata dai doganieri Ucraini, ma tenuta fuori dal territorio Ucraino. Aiuti umanitari, cibo, medicine e derrate varie. Poi siccome l’Ucraina se li è tenuti alla frontiera una settimana buona senza farli entrare e dopo averli completamente ispezionati. il Cremlino ha ordinato alla “fila di camion Russi” di passare da un tratto di frontiera controllato dai “filio russi” ovvero che NON è sotto il controllo di Kiev.

obama-putin2

I camion sono entrati, hanno scaricato il “carico” si direbbe a Lugansk, e in parte sono già tornati in Russia.

Considerazioni:

Intanto abbiamo saputo che a differenza della propaganda messa in giro dalle nostre parti i “Ribelli” non sono circondati, ma hanno saldamente in mano una parte di frontiera Ucraina con la Russia. Ed è un pelo difficile “circondare” i “ribelli” in territorio Russo.
Se i camion fossero entrati dalla frontiera Ucraina, e guidati dalla croce rossa, non avrebbero certamente potuto portare aiuti militari ai “ribelli”. Kiev non lasciandoli entrare subito dopo averli ispezionati se li è visti entrare da un altra parte e senza controlli, nel senso che fra una frontiera e l’altra si può avere il leggerissimo sospetto che in mezzo alla farina e agli antibiotici qualche altra cosetta ci sia finita. E magari anche qualche autista ben addestrato.
I camion sono entrati, hanno scaricato la “merce” e sono usciti senza che una pallottola gli fischiasse vicino, il che implica capacità di saldo controllo del territorio da parte dei “ribelli”
A proposito di scacchi: non c’è dubbio che i camion in origine erano caricati a viveri e medicine, non c’è prova che ci sia stato qualcosa di diverso nei camion entrati dall’frontiera controllata dai Ribelli, non ci sono dubbi e ci sono testimonianze della croce rossa sul fatto che i camion Russi aspettavano, bloccati da Kiev senza motivo, di entrare per dare aiuto a popolazioni sofferenti.

Quindi l’azione del Cremlino ha raggiunto 3 obbiettivi:

Dimostrare che i “ribelli” hanno saldamente in pugno una zona dell’Ucraina fino ai confini con la Russia (la quale li può rifornire senza il problema di essere disturbata)
Dimostrare (ancora una volta) l’incompetenza della dirigenza di Kiev
(presumibilmente) portare armi ai ribellli, ma la questione è irrilevante VISTO che dalla frontiera controllata dai Ribelli ci passa quel che i Ribelli vogliono in qualsiasi momento.

Infine ci sono le divertenti reazioni europee:

Obama e Merkel: “Da Russia provocazione pericolosa” – Una “provocazione e una violazione della sovranità dell’Ucraina e dell’integrità territoriale”. Così il presidente Usa Barack Obama e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno definito l’incursione del convoglio russo in Ucraina, sottolineando come la mossa di Mosca rappresenti una “escalation pericolosa”.

cioè Bla Bla Bla…….

Una terribile provocazione aver mandato aiuti umanitari?

Da una frontiera controllata dai “Ribelli” (per cui da li passa qualsiasi cosa a prescinder dai camion di aiuti?

RISCHIOCALCOLATO



   

 

 

1 Commento per “Cose divertenti accadono in Ucraina”

  1. Putin ,vai avanti cosi…che tutto il resto del mondo fa schifo !!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -