UE, discutere di tetto al prezzo del gas è spreco di tempo

risparmiare gas

Il tetto al prezzo del gas, in Ue, appare lontano nonostante 15 Stati, tra cui Italia e Francia, abbiano inviato una lettera alla commissaria all’Energia Kadri Simson chiedendole di studiare un price cap sul metano importato in Ue da tutti i fornitori, non solo su quello proveniente dalla Russia. “Non siamo neanche lontanamente vicini ad un consenso sul price cap”, spiega una fonte diplomatica Ue in vista del Consiglio Energia straordinario che si riunisce oggi a Bruxelles. Per la fonte, “è meglio concentrarci sulle cose che ci uniscono, non su quelle che ci dividono”.

Discutere di price cap, sostiene, è “uno spreco di tempo”, poiché alcuni Paesi sono nettamente contrari, dato che “siamo nazioni civili, affidabili e che rispettano lo Stato di diritto. Stiamo parlando della Norvegia: da un Paese civilizzato ad un altro, sarebbe molto strano fissare unilateralmente un price cap“. Non è, aggiunge, “il modo in cui facciamo affari: la Russia fa così”. Per il diplomatico, i 15 firmatari della lettera “sembrano avere idee diverse” su come esattamente strutturare il price cap.

LEGGI ANCHE
Bollette luce, +59% da ottobre. Meloni: “Subito risposta UE”

Neppure su un price cap limitato al gas russo, secondo il diplomatico, sarebbe scontato trovare un accordo: “E’ difficile da dire, perché non se ne è discusso nelle ultime due settimane”. Ma gli Stati membri, osserva, hanno situazioni “molto diverse”, quindi “non sarà facile”. Anche se “non siamo contrari in linea di principio” ad un cap limitato al gas russo, dato che Mosca è un “partner inaffidabile” e “non civilizzato”, non è scontato che passi. E, anche se passasse, dal punto di vista pratico risulterebbe “abbastanza irrilevante”, dato che le importazioni di gas russo nell’Ue sono molto calate dopo il 24 febbraio 2022.

La situazione relativa agli elevati costi del gas naturale in Europa rimarrà “sfidante” per tutto il 2022 e anche “nell’inverno 2023-24, dato che i contratti a prezzo fisso firmati prima della crisi stanno scadendo e i fornitori offrono nuovi prezzi più elevati”, sottolinea la Commissione Europea, in un paper diffuso prima del Consiglio.  ADNKRONOS

 

Articoli recenti