Zelensky: l’esercito ucraino insegue i russi dappertutto verso la vittoria

Volodymyr Zelensky

I soldati ucraini hanno “eroicamente trattenuto il nemico” e ora “inseguono i russi a nord, sud, est, dappertutto, ma muovendosi in una sola direzione: verso la vittoria”. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo video-messaggio serale. “Sono 200 giorni della nostra resistenza, della nostra lotta, della nostra guerra nazionale per la libertà, per l’indipendenza, per il diritto di essere. In questi 200 giorni abbiamo ottenuto molto. Ma la cosa più importante, la più difficile, è avanti”, ha aggiunto.

Intanto la seconda più grande città dell’Ucraina, Kharkiv, e vaste aree degli oblast di Zaporizhzhia, Dnipropetrovsk e Sumy soffrono di interruzioni dell’energia elettrica dalla serata di domenica, dopo una serie di attacchi missilistici russi contro le infrastrutture energetiche del Paese. Tra le infrastrutture colpite figura la centrale termoelettrica CHPP-5 di Kharkiv, una tra le più grandi dell’Ucraina.

LEGGI ANCHE
Putin: “in Ucraina non abbiamo ancora iniziato seriamente”

Da fonte ucraina: la Russia avrebbe intensificato la presenza di navi da sbarco nel Mar Nero. Vicino alla costa meridionale della Crimea ci sono ora 14 navi da guerra, di cui 4 lanciamissili equipaggiati con 26 Kalibr

Mosca: negoziato solo se capitola il regime di Kiev

Le condizioni poste dalla Russia per i negoziati con l’Ucraina in questo momento sono solo un riscaldamento per le condizioni che verranno poste in futuro: lo ha dichiarato su Telegram il vicepresidente del consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, secondo quanto riporta Interfax. “Un certo Zelensky ha detto che non avrebbe dialogato con coloro che danno ultimatum. Questi ‘ultimatum’ sono solo un piccolo riscaldamento per le condizioni che verranno stabilite in futuro”, ha scritto Medvedev. “Le conosce: la capitolazione totale del regime di Kiev alle condizioni della Russia”, ha concluso.  tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

Articoli recenti