Effetti dei 67 test atomici USA nell’atollo di Bikini

“Effetti dei 67 test Atomici USA , nell’Atollo di Bikini“. Nel 1946 gli americani scelsero come poligono di prova per i test atomici un atollo delle Isole Marshall, l’atollo di Bikini. Gli abitanti (meno di 200) furono allontanati su di un altro atollo dietro misero compenso e false promesse, ma subirono ugualmente le pesantissime conseguenze. I bombardamenti continuarono fino al 1958, quando fecero esplodere la 67esima bomba dall’inizio dei lanci: la bomba all’idrogeno.

Sugli animali, sia terrestri che acquatici, gli effetti furono disastrosi e una prova è data dalle immagini nei video seguenti di Jeppson Giano

Era il primo luglio 1946, e gli Stati Uniti hanno scitto una delle pagine più nere della storia dell’umanità. Nell’atollo di Bikini si compì il primo di 67 test atomici compiuti in 12 anni in uno dei posti più caratteristici tra i paradisi tropicali del mondo.

Ai 167 abitanti dell’arcipelago fu detto che questi esperimenti servivano per evitare l’inizio di altre guerre, e con pochi dollari in tasca e tante promesse furono espropriati delle proprie terre, e trasferiti in un atollo lontano. 8 anni dopo, precisamente l’1 marzo 1954 ci fu l’esperimento più terribile, la cosiddetta “Bomba H”, o a idrogeno, oltre mille volte più potente di quella che distrusse Hiroshima.

Condividi