Prezzi energia, Putin: Occidente ha fatto errori di calcolo

putin

I prezzi dell’energia stanno aumentando nei paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti, non per colpa della Russia, ma per errori di calcolo della leadership di quei paesi, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin. “Per quanto riguarda quei Paesi che stanno compiendo passi ostili nei confronti del nostro Paese, della nostra economia, siamo ben consapevoli che stanno esortando i loro cittadini a stringere la cinghia, a coprirsi di più per risparmiare riscaldamento e in generale indicano le sanzioni che ci stanno imponendo come il motivo il deterioramento della loro situazione. Sembra tutto molto strano, soprattutto perché stiamo adempiendo a tutti i nostri obblighi”, ha detto in un incontro con i ministri.

Errori di calcolo

I prezzi stanno aumentando lì, ma non per colpa nostra. Questo è il risultato dei loro stessi errori di calcolo, non c’è nulla di cui incolparci“, ha detto Putin. “Lo stesso vale per l’aumento dei prezzi del petrolio e dei prodotti petroliferi negli Stati Uniti. Hanno detto che stanno chiudendo le importazioni di petrolio russo al mercato americano. I prezzi sono alti, l’inflazione è senza precedenti, probabilmente il massimo storico. Stanno cercando di incolpare noi per i risultati dei propri errori”, ha detto.

Putin ha detto che questo era ovvio per gli esperti, dal momento che le forniture di petrolio russo al mercato statunitense non superano il 3%, “una quantità trascurabile”. “E i prezzi stanno aumentando. Non abbiamo assolutamente nulla a che fare con questo. E anche qui, il divieto all’importazione di petrolio russo non ha assolutamente nulla a che fare con questo. Si nascondono dietro queste decisioni per ingannare ancora una volta i propri popoli“, ha detto Putin. ASKANEWS

Condividi