“Aritmie cardiache dopo il vaccino, intossicata dalla spike”

Eva Selleri Aritmie cardiache dopo il vaccino

di Andrea Zambrano – Prima di fare il vaccino la vita di Eva Selleri, 48 anni, si svolgeva tranquillamente tra la sua casa di Bologna e quella al mare della Romagna.

«Non ho mai avuto problemidice oggi alla Bussola -, ma da quando ho fatto il vaccino mi è stata diagnosticato un problema cardiaco e la dottoressa che ha provato a curarmi mi ha diagnosticato una intossicazione da spike». È la stessa Selleri a mettersi a nudo e denunciare una reazione avversa che oggi le fa vivere una vita peggiore di quella che conduceva fino al 18 quando con la prima dose di Pfizer è iniziato il suo calvario.

Come si sente?
Mi sento come se mi avessero avvelenata. Una settimana dopo ero a pranzo con una collega e ho sentito una specie di collasso, non saprei come definirlo, mi sono sentita cadere. Il giorno dopo la stessa cosa: ero in ufficio e, da quel giorno, ho iniziato ad avere grande extrasistole cardiache, sento il cuore di notte con battiti extra.

Aritmie cardiache dopo il vaccino

Con quale intensità?
Battiti non regolari come un tamburo, che cambia il ritmo uniti a una grande stanchezza.

Il medico?
Mi reco il venerdì seguente: ecocardiodoppler, Ecg etc… i soliti esami.

Quindi?
Negativo: sono andata al mare, ma devo camminare molto per andare in spiaggia e non riuscivo a farla a piedi. Neanche spingere il passeggino e nemmeno fare le scale di casa. Ho iniziato a preoccuparmi seriamente, l’associazione con delle problematiche cardiache mi ha inquietato perché io non ho mai accusato nessun tipo di problema.

Che ha fatto?
Ho interrotto le vacanze e sono andata al Pronto soccorso. Era il 5 settembre. Mi hanno fatto l’Holter cardiaco, un dottore sgarbato mi ha accusato di essere no vax.

Che c’entra?
Non c’entra nulla, figuriamoci: se ho fatto il vaccino come faccio ad essere no vax?

Qual è stato l’esito dell’Holter?
Extra sistole sovra ventricolare e ventricolare.

É un indicatore di miocardite, anche se non assoluto…
Per questo, infatti devo fare ulteriori esami. Oltre ai soliti problemi, ho iniziato ad avere un forte dolore al petto, delle fitte. Così sono tornata al Sant’Orsola. Sono stati gentili ma la loro unica preoccupazione sembrava essere quella che mi facessi subito la seconda dose.

E lei l’ha fatto?
No, già la prima mi sta creando problemi, come faccio a fare anche la seconda?

Ma nessuno si sbilancia sulla correlazione col vaccino?
Sì, per la verità una dottoressa che mi ha visitato mi ha detto che è una classica intossicazione da spike. Ma nessuno sa come agire. Nel frattempo, sto avendo diversi problemi col lavoro.

Che cosa risponde a chi dice che i benefici sono superiori ai rischi?
Che per me questo discorso non vale affatto.

Condividi