Ricciardi: tamponi vanno eliminati, hanno un 30% di inaccuratezza

ricciardi i vaccinati possono trasmettere l'infezione

“Il green pass dovrebbe essere per vaccinati e per i guariti dalla malattia. I tamponi presentano un punto debole, hanno un 20 – 30% di inaccuratezza. Per il momento vanno mantenuti, pian piano vanno eliminati”. Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, si esprime così a L’aria che tira sull’ipotesi di evoluzione del green pass. Il certificato verde è uno dei temi d’attualità insieme a obbligo vaccinale e terza dose.

“Con la variante Delta è tutto cambiato rispetto al ceppo originario di Wuhan. La carica virale del ceppo originario era 1000 volte inferiore rispetto a quella della variante Delta: mediamente con la variante Delta un positivo infetta 7 persone. Senza vaccino avremmo avuto decine di migliaia di morti in più. Gli inglesi hanno calcolato 90mila morti evitate: abbiamo salvato decine di migliaia di persone grazie al vaccino”, dice Ricciardi.

Capitolo terza dose: “Vanno riprotetti gli immunodepressi, poi gli anziani oltre una certa età e poi gli operatori sanitari” che sono stati vaccinati all’inizio dell’anno. “Poi aspettiamo la valutazione dell’Ema per vedere se la terza dose deve essere allargata al resto della popolazione”

. In Israele si parla di quarta dose: “Non si tratta più di fare la quarta dose, si tratta di fare il ciclo vaccinale di base e poi presumibilmente un richiamo una volta l’anno. Siamo all’80% della popolazione vaccinata con una dose, siamo ottimisti sulla possibilità di arrivare al 90%: con vaccinazione e green pass possiamo tornare ad una vita normale”. adnkronos

Condividi