Afghanistan, Talebani prendono Jalalabad ed entrano a Kabul

Talebani prendono Jalalabad ed entrano a Kabul

I Talebani prendono Jalalabad senza combattere ed entrano a Kabul, capitale dell’Afghanistan, secondo le news diffuse oggi da media locali. In precedenza avevano conquistato la città chiave di Jalalabad, nell’est del paese. Da ore voci si rincorrono sull’ingresso dei talebani nella capitale. L’ufficio stampa della presidenza nega, affermando che in alcune zone della città sono stati esplosi colpi di pistola. Secondo alcuni media, però, gruppi di talebani sarebbero già entrati in città.

Per Tolo News, sarebbero in corso trattative: l’obiettivo sarebbe una transizione pacifica. Il ministro dell’Interno ad interim, Abdul Sattar Mirzakwal, ha affermato che Kabul non sarà attaccata e che le forze di sicurezza garantiranno l’ordine.

“Più tardi verrà presa una decisione separata su Kabul”, aveva spiegato intanto all’agenzia tedesca Dpa il portavoce talebano Zabihullah Mujahid. “La gente dovrebbe essere certa che non vogliamo uno stato di guerra a Kabul o, Dio non voglia, che nessuno venga danneggiato”.

Talebani prendono Jalalabad

Intanto Jalalabad, la capitale della provincia di Nangarhar, è stata conquistata senza combattere, come hanno spiegato all’agenzia tedesca Dpa due consiglieri provinciali. I talebani sono entrati a Jalalabad alle 6 del mattino (1.30 Gmt), hanno spiegato le fonti all’agenzia tedesca.

La cattura della città di Jalalabad con una popolazione stimata di oltre 280.000 abitanti e di altre aree della provincia dà ai talebani il controllo del valico di frontiera di Torkham, la più grande rotta commerciale e di transito tra l’Afghanistan e il Pakistan. I talebani ora controllano almeno 25 capoluoghi delle 34 province dell’Afghanistan. Tutte queste città sono state acquisite in 10 giorni. adnkronos

Condividi

 

One thought on “Afghanistan, Talebani prendono Jalalabad ed entrano a Kabul

  1. Ma non era stata importata la democrazia? E le vite perse, i miliardi gettati nel nulla? Gli unici vincitori, di oltre 20 anni di guerra in Afghanistan, sono: banchieri, poteri forti, produttori di armi e soci!

Comments are closed.