Calcio, per il ‘Corriere’ il Belgio è forte perché ‘multietnico’. E allora la Francia?

belgio calcio

di Marzio Dalla Casta – […] Ora il Corriere della Sera arriva a spiegarci che la forza del Belgio, più che nella forza atletica di un Lukaku o nell’intelligenza calcistica di un De Bruyne, sta nella sua multietnicità: congolesi, marocchini, martinicani, ghanesi, portoghesi che tra loro comunicano in inglese. Il giornalista del Corriere non lo scrive, ma si capisce che la nazionale belga è per lui la futura umanità. Dopo tutto, è anche la squadra che s’inginocchia più convintamente al rito del Black Lives Matter. Al momento, però, la tesi della multietnicità come segreto del successo non regge all’urto dei fatti. Almeno nel calcio. Lo sanno bene i francesi, la cui multiNazionale ha dovuto arrendersi alla Svizzera.

Integratori alimentari Free Health Academy

Ma vale anche per la Germania, sempre più zeppa di cognomi esotici e perciò del tutto incapace di sprigionare quel teutonico furore che la rendeva temibile anche da agonizzante. Già, piaccia a meno, le nazionali sono anche un distillato di identità e di storia comune.

Per un irlandese il match contro il Portogallo non vale quanto quello contro l’Inghilterra. Del resto non lo fu neanche per gli argentini in Messico nel 1986. Maradona (mano de Dios nell’occasione) e compagni sconfissero i Leoni di Highbury per 2 a 1. Una partita di calcio, certo. Ma per molti giornali fu anche la rivincita della guerra delle Falkland di qualche anno prima.

Ecco, lo sport, in particolare il calcio, è anche questo. Pensare che negli individui e nelle comunità tutto sia sostituibile è una illusione, e neanche tanto bella. Speriamo di averne conferma tra qualche ora: forza Azzurri!  secoloditalia.it

Condividi