È morta la 18enne ricoverata per trombosi dopo il vaccino

AstraZeneca effetti collaterali muore dopo vaccino

E’ morta la 18enne ricoverata per trombosi. Camilla Canepa, di Sestri Levante, ricoverata domenica al S.Martino di Genova dopo una trombosi al seno cavernoso e operata per la rimozione del trombo e ridurre la pressione intracranica. Camilla era stata vaccinata con AstraZeneca il 25 maggio nell’open day per gli over 18.

Secondo l’ultimo Rapporto di Farmacovigilanza sui Vaccini Covid-19 i casi di trombosi venose intracraniche e in sede atipica in soggetti vaccinati con Vaxzevria di AstraZeneca sono in linea con quanto osservato a livello europeo: 1 caso ogni 100.000 nelle prime dosi somministrate e prevalentemente in persone con meno di 60 anni. Nessun caso è stato segnalato dopo la seconda dose.

Camilla morta a Genova dopo il vaccino Astrazeneca

“Purtroppo, poche ore fa, Sestri Levante è stata colpita da un lutto che mai avremmo voluto vivere -dice la sindaca di Sestri Valentina Ghio-. L’amministrazione comunale e tutta la città si stringono intorno alla famiglia della ragazza scomparsa oggi. In questo momento di dolore esprimo tutto il mio affetto e la mia vicinanza ai familiari di Camilla”.

La somministrazioni dei vaccini Astrazeneca del lotto ABX1506 con cui era stata vaccinata Camilla è stato sospeso in via cautelativa. Oltre alla 18enne si trova ricoverata per una trombosi del seno cavernoso una donna di 34 anni: si trova in terapia intensiva dopo essere stata sottoposta a fibrinolisi per alcuni trombi.

“È in corso la ricognizione per verificare eventuali giacenze del lotto in questione nelle sedi di vaccinazione della Liguria – ha scritto l’agenzia sanitaria ligure Alisa in una nota – . Appena ricevuta la segnalazione delle due reazioni avverse, che riguardano le due giovani donne attualmente ricoverate al Policlinico San Martino, si è attivata la rete di farmacovigilanza e sono state inviate tempestivamente all’Aifa le segnalazioni; il lotto interessato è stato quindi sospeso in via precauzionale”.  www.today.it

Condividi