Covid, calano i contagi. Crisanti: “bisogna fare più tamponi”

Andrea Crisanti più tamponi

“Come medico ricercatore sono avverso ai rischi e lo ribadisco. In Italia penso che stiamo via via eliminando tutte le misure di cautela e controllo anti-Covid. E penso che ogni apertura e ogni allentamento debbano essere accompagnati da misure aggiuntive di controllo e sorveglianza. L’Italia lo sta facendo? Vedremo se lo farà. Al momento, mi sembra evidente che nelle varie Regioni d’Italia non si faccia abbastanza tracciamento. Lo dicono i dati e lo segnalano anche altri colleghi ricercatori che si stanno facendo meno tamponi.

Bisogna fare più tamponi

Questa è invece la fase in cui bisognerebbe farne di più, perché hanno più effetto e si potrebbero fermare sul nascere pericolosi focolai”. Ci sono condizioni da rispettare per evitare che il ritorno graduale alla vita abbia conseguenze che nessuno vorrebbe: ne è convinto il virologo Andrea Crisanti.

Più tamponi e tracciamento

Il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova insiste sull’importanza del tracciamento proprio ora, e di “non abbassare la guardia, indipendentemente dai numeri delle vaccinazioni che crescono”. Basta guardare all’esperienza di altri Paesi.

“In Inghilterra – evidenzia all’Adnkronos Salute – i casi sono in aumento. C’è preoccupazione per la variante indiana di Sars-CoV-2 che ha un indice di trasmissione che appare superiore anche a quello della variante inglese, quindi si trasmette più velocemente”. Ai primi dati in rialzo, fa notare, “i britannici stanno rivedendo la tabella delle riaperture. Loro la variante indiana la vedono con molta cautela e non sono disposti a prendere nessun rischio”.

Condividi