Vaccini, Abrignani (Cts): Sì all’obbligo “per evitare nuove varianti”

Sergio Abrignani

“Io sono assolutamente favorevole all’obbligo vaccinale. Già lo dissi a gennaio. Per questo virus che è un problema di sanità pubblica ci vuole l’obbligo così come lo abbiamo avuto per il vaiolo e per la polio”. Lo dice Sergio Abrignani, componente del Cts. “In Italia l’11% dice che non si vuol far vaccinare, il 7% risponde probabilmente no. Di fatto siamo al 18% e la maggior parte è sotto i 60 anni, non è più un problema individuale”.

“Se non mi vaccino io causo un danno alla comunità”, prosegue Abrignani sul Messaggero. “Se in 10 milioni non si vaccinano in Italia rischiano di selezionare nuove varianti che possano diventare insidiose. Tra l’altro quei 10 milioni mettono a rischio anche i 500mila che non possono vaccinarsi per le loro condizioni di salute”.

Montagnier: “la vaccinazione di massa è un errore enorme”

“La vaccinazione di massa in piena pandemia crea un mostro irrefrenabile”

Prof Garavelli: “Non si vaccina mai durante un’epidemia. Sta prevalendo l’anti-scienza”

Preoccupa soprattutto il milione di italiani nella fascia tra i 60 e i 69 anni, categoria a rischio, per la quale il vaccino è fortemente consigliato. C’è infatti una platea di connazionali non vaccinati, che non risultano nemmeno prenotati sulle varie piattaforme regionali. Diffidenza, attesa per un’ipotetica immunità di gregge, la speranza di vedersi somministrare un vaccino ritenuto più affidabile o l’appartenenza alla categoria dei fragili che li fa rientrare in un’ altra banca dati. Un numero che varia di ora in ora.  tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

One thought on “Vaccini, Abrignani (Cts): Sì all’obbligo “per evitare nuove varianti”

  1. art. 2 convenzione di Oviedo e varie sentenze costituzionali: la salute del singolo prevale su quella della collettività (tra l’altro esistono delle cure e la terapia genica è certamente sperimentale e per ora ha garantito unicamente più morti da vaccino che da covid … e non è finita).

Comments are closed.