“La vaccinazione di massa in piena pandemia crea un mostro irrefrenabile”

pandemia Geert Vanden Bossche

da https://agenziastampaitalia.itGeert Vanden Bossche, virologo indipendente ed esperto di vaccini, precedentemente impiegato presso GAVI e The Bill & Melinda Gates Foundation, scrive a tutte le autorità, scienziati ed esperti di tutto il mondo, OMS incluso. Agghiacciante il contenuto delle dichiarazioni contenute nella sua lettera, di cui riportiamo il documento* in inglese ed a seguire la traduzione dei contenuti più significativi. 

L’organizzazione politica Italia nel Cuore, al fine di garantire la tutela della salute degli Italiani come recita l’Art. 32 della carta costituzionale, ha inoltrato al Ministro Speranza (per conoscenza al Presidente del Consiglio Mario Draghi) la lettera in questione. Il MIC, senza procurare allarme, chiede di prendere in esame quanto dichiarato dall’esperto virologo Geert Vanden Bossche, il quale afferma che questi vaccini Covi-19 sono un killer e ritiene che la vaccinazione di massa stia creando un mostro irrefrenabile. Visto l’avvio della massiccia campagna vaccinale alla quale si vuole sottoporre il popolo italiano, il MIC ritiene doveroso che il Ministro della Salute fornisca ai cittadini tutte le garanzie del caso. Lo dichiara in una nota il Coordinatore Nazionale dell’Organizzazione Politica Italia nel Cuore (MIC).

Testo integrale, in inglese, della lettera scritta dal virologo Geert Vanden Bossche

images/Public_health_emergency_of_international_concert_Geert_Vanden_Bossche.01.pdf

Sintesi della lettera di Geert Vanden Bossche, tradotta in italiano.

Sono tutto tranne che un no-vax, come scienziato di solito non mi appello a nessuna piattaforma per creare documenti e comunicare su argomenti relativi ai vaccini. In qualità di appassionato virologo ed esperto di vaccini, faccio solo un’eccezione quando le autorità sanitarie consentono di somministrare vaccini in modi che minacciano la salute pubblica, quando le prove scientifiche vengono per la maggior parte ignorate. 

L’attuale situazione estremamente critica mi costringe a diffondere questa chiamata di emergenza. L’estensione senza precedenti dell‘intervento umano nella pandemia da Covid-19 pandemia  rischia di provocare una catastrofe globale senza eguali, questa chiamata non può che non suonare ad alta voce e abbastanza forte. Purtroppo non tocca coloro che hanno il potere di agire. Difficilmente non potranno dire non sapevo o non siamo stati avvertiti. In questa lettera angosciante ho messo in gioco tutta la mia reputazione e credibilità. Mi aspetto da voi, tutori dell’umanità, almeno la stesso atteggiamento con la massima urgenza. Tuttavia, questo tipo di vaccini profilattici sono completamente inappropriati e persino altamente pericolosi, se utilizzato in campagne di vaccinazione di massa durante una pandemia virale. 

Vaccinologi, scienziati e i medici sono accecati dagli effetti positivi a breve termine nei singoli brevetti, ma non sembrano preoccuparsi sulle conseguenze disastrose per la salute globale. Questo è il motivo per cui ho deciso di pubblicare già un riepilogo dei miei risultati e il mio discorso al recente Vertice sui vaccini in Ohio su LinkedIn. Lunedì scorso, ho fornito assistenza sanitaria internazionale alle organizzazioni, compresa l’OMS, con la mia analisi dell’attuale pandemia basata scientificamente su informazioni informate sulla biologia immunitaria del Covid-19.  

La vaccinazione di massa in piena pandemia crea un mostro irrefrenabile

Dato il livello di emergenza, li ho esortati a prendere in considerazione le mie preoccupazioni e avviare un dibattito sulle conseguenze dannose di un ulteriore fuga  “immunitario virale”. Sebbene non ci sia tempo da perdere, finora non ho ricevuto alcun feedback. Esperti e politici non me lo hanno fornito, rimangono in silenzio, e sembra che l’élite di scienziati che attualmente consigliano i nostri leader mondiali preferisca rimanere in silenzio. Perché la vaccinazione di massa in mezzo a una pandemia crea un mostro irrefrenabile. 

Allora, perché dovrebbe esserci una grande preoccupazione nell’usare questi vaccini per combattere il Covid-19? Durante una pandemia, il virus si sta diffondendo in tutto il mondo con molti soggetti che perdono e trasmettono il virus (compresi anche i “portatori” asintomatici). Più alto è il carica virale, maggiore è la probabilità che il virus incontri soggetti che non sono stati ancora infettati o che sono stati infettati ma non hanno sviluppato sintomi. A meno che non siano sufficientemente protetti dal loro innato difesa immunitaria (attraverso gli anticorpi naturali), contrarranno la malattia di Covid-19 poiché non possono fare affidamento su altri, cioè, Abs acquisito (Apparente Buona Salute). Poiché le mutazioni conferiscono al virus la capacità di un aumento dell’infezione, ora diventa molto più facile per il virus causare malattie gravi nei soggetti infetti. 

Di conseguenza, costantemente un numero crescente di soggetti diventerà più suscettibile a contrarre una malattia grave invece di manifestarsi solo sintomi lievi (cioè limitati al tratto respiratorio superiore) o nessun sintomo. Durante un pandemia, soprattutto i giovani saranno colpiti da questa evoluzione poiché i loro anticorpi naturali non sono ancora coperti da una panoplia (armi di difesa) di Abs (Apparente Buona Salute) “acquisito”, antgen-specifc. Un Abs (Apparente Buona Salute) naturale e immunità naturale in generale, svolgono un ruolo critico (che analizza e valuta razionalmente) nel proteggerci dagli agenti patogeni in quanto costituiscono la nostra prima linea immunitaria difesa. A differenza dell’immunità acquisita, le risposte immunitarie innate proteggono da un ampio spettro di patogeni (quindi è fondamentale non compromettere o sacrificare la tua difesa immunitaria innata!). Mantenendo il sistema immunitario innato (che purtroppo non ha memoria!) ALLENATO, tutti noi possiamo resistere molto più facilmente ai germi che hanno un reale potenziale patogeno. 

La soppressione dell’immunità innata, specialmente nelle fasce di età più giovani, può quindi diventare molto problematica. In questo segmento di popolazione, entra in gioco un’altra forza che migliorerà notevolmente tassi di morbilità, ovvero la frequenza percentuale di una malattia in una collettività e mortalità nelle fasce di età più giovani: la VACCINAZIONE DI MASSA degli ANZIANI. 

Più sarà ampio sarà il gruppo di vaccinati in età avanzata e quindi, protetto, più il virus si rivolgerà nei gruppi di età più giovane continuando a causare malattie. Più varianti diventano infettive (cioè, di conseguenza di bloccare l’accesso del virus al segmento vaccinato della popolazione), minore sarà l’Abs (Apparente Buona Salute) vaccinale proteggere. Quindi, il Covid-19 avrà compiuto la sua MISSIONE COMPIUTA, e la SITUAZIONE è DISASTROSA per tutti i soggetti vaccinati e le persone sieropositive Covid-19 in quanto hanno perso entrambe le difese immunitarie acquisite e innate contro Covid-19 (mentre circolano ceppi altamente infettivi!).

 Tutto questo lo saremo molto presto appena incontreremo un virus super infettivo che resiste completamente al nostro meccanismo di difesa più prezioso: Il sistema immunitario umano. Da tutto quanto sopra, diventa sempre più difficile immaginare come le conseguenze del interventi umani estesi ed errati in questa pandemia non cancelleranno gran parte di la nostra popolazione umana. Si potrebbe pensare solo a pochissime altre strategie per raggiungere lo stesso livello efficienza nel trasformare un virus relativamente innocuo in un’arma biologica di distruzione di massa. 

Questo per dire che il rischio che la fuga immunitaria mediata dal vaccino possa consentire al virus di passare ad altro le specie animali, in particolare il bestiame industriale (ad es. allevamenti di suini e pollame), non sono trascurabili. Misure di prevenzione delle infezioni diffuse e rigorose combinate con la massa campagne di vaccinazione che utilizzano vaccini inadeguati porteranno senza dubbio a una situazione in cui il la pandemia sta diventando sempre più “fuori controllo”.  Paradossalmente, l’unico intervento che potrebbe offrire una prospettiva per porre fine a questa pandemia (oltre a lasciare fa il suo corso disastroso) è utilizzare un vaccino completamente diverso dai vaccini convenzionali in quanto non inducono i soliti sospetti, cioè cellule B e T, ma cellule NK.

 Esistono, infatti, prove scientifiche convincenti che queste cellule svolgono un ruolo chiave i facilitare l’eliminazione completa del Covid-19 in una fase iniziale dell’infezione in soggetti con infezione asintomatica soggetti. Le cellule NK fanno parte del braccio cellulare del nostro sistema immunitario innato e, come gli anticorpi naturali, loro sono in grado di riconoscere e attaccare uno spettro ampio e diversificato di agenti patogeni. 

C’è un suono scientifico ratonale per supporre che sia possibile “innescare” le cellule NK in modi che possano essere riconosciute e uccidere i Coronavirus in generale (includere tutte le loro varianti) in una fase iniziale dell’infezione. Le cellule NK sono dotate della capacità di acquisire memoria immunologica, educare queste cellule in modo che consentano loro di riconoscere e prendere di mira in modo durevole le infezioni da Coronavirus. Il nostro sistema immunitario potrebbe essere così perfettamente armato per un attacco mirato all’universo dei Coronavirus prima dell’esposizione. 

 Poiché la difesa immunitaria basata sulle cellule NK fornisce un’immunità sterilizzante e consente un ampio spettro e una protezione rapida, è ragionevole presumere che lo sfruttamento delle nostre cellule immunitarie innate sia l’unico tipo di intervento umano per fermare la pericolosa diffusione del Covid-19 altamente infettivo con  le sue varianti. Se noi, esseri umani, siamo impegnati a perpetuare la nostra specie, non abbiamo altra scelta che sradicare queste varianti virali altamente infettive. Ciò, richiederà ampie campagne di vaccinazione basate sulle cellule NK. I vaccini cellulari permetteranno principalmente alla nostra immunità naturale di essere preparata meglio (la memoria!) e di indurre l’immunità di gregge (che è esattamente l’opposto di ciò che gli attuali vaccini Covid-19 fanno come quelli trasformano sempre più i destinatari del vaccino in portatori asintomatici che stanno eliminando il virus). 

Quindi non c’è un secondo piano bisogna sostituire gli attuali vaccini killer con vaccini salvavita. Mi appello immediatamente all’OMS e a tutti i portatori di interessi coinvolti, indipendentemente dalla loro condanna dichiarare tale azione come l’unica emergenza internazionale per la salute pubblica come la più importante preoccupazione.

Note

Pec inviata al Ministro Speranza

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell’autore e/o di chi ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l’argomento trattato, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d’interpretazione.

Condividi