Ristoratori in marcia sull’autostrada, investito Antonio Alfieri

Ristoratori in marcia sull'autostrada

di Tommaso Boggi – Ore 10 – L’appuntamento era direttamente sull’autostrada A1 direzione Roma altezza autogrill Arno Nord. Ristoratori provenienti dalla Toscana e iscritti a Tutela Nazionale Imprese, l’associazione di Pasquale Naccari che raccoglie aderenti a Ho.Re.Ca. e che già una settimana fa avevano bloccato l’autostrada ad Orte provocando 55 chilometri di coda. Le decisioni del Governo di aprire il 26 aprile, ma soltanto a certe condizioni, ha scatenato la rabbia dei ristoratori che sono consapevoli di come si tratti solo di palliativi che non risolvono il problema.

Così, tutti insieme, hanno deciso, questa mattina, di fare un blitz vero e proprio sull’autostrada A1 direzione Roma. Si sono ritrovati poco dopo le 9 e hanno cominciato a fermare il transito delle auto. Purtroppo, però, mentre Antonio Alfieri da Sassuolo e un altro ristoratore, stavano facendo segno alle vetture di rallentare, una Ford Fiesta ha investito il ristoratore di Sassuolo e il collega. Fortunatamente non sembra ci siano ferite di rilievo – Alfieri è stato medicato in un’ambulanza della Misericordia Loro Ciuffenna – ma sul posto è intervenuta la Polstrada che ha identificato l’automobilista.

Antonio Alfieri era iscritto al gruppo #IOAPRO, ma ne è uscito per entrare in quello di Pasquale Naccari di Tni.

Ristoratori: i decreti ristori? Sono una vergogna

Ore 10.30 – I ristoratori continuano imperterriti nel loro blocco autostradale. Il transito è fermo su entrambe le corsie di marci. La situazione è tranquilla, nessun problema di ordine pubblico. I ristoratori si stanno facendo le foto con la tavola imbandita urlando come sia l’unico tavolo esterno possibile e come i ministri di questo Governo non abbiano minimamente pensato a chi all’esterno non ha posto. Determinati, disperati, ma fieri.

Ore 10.40 – Parla Stefano Vecciani, responsabile della Versilia di Tni non usa mezzi termini: “Sono 14 mesi che ci stanno prendendo per il culo. 14 mesi che noi abbiamo sostenuto fisse di tasca nostra o facendo debiti che dovremo rimborsare e dopo 14 mesi il Governo fa norme che non possiamo prendere in considerazione perché è esplicito che queste norme sono state fatte apposta per dirci non potete riaprire ma siete in condizione di. Nessun ristorante può riaprire la sera quando, ad aprile, ci sono otto gradi fuori. Chi verrebbe a mangiare? Nessuno. E poi questi sterili distanziamenti che sono ingiustificati quando la scorsa estate erano, almeno, più accettabili. Il Governo in questo anno avrebbe dovuto lavorare per metterci in condizioni di riaprire e invece nulla. Noi siamo qua per rispettare i nostri diritti, vogliamo riaprire e non chiudere più per poter dare da mangiare ai nostri dipendenti e alle nostre famiglie. I decreti ristori? Sono una vergogna, nell’ordine del 4 per cento sul fatturato. Ma vi rendete conto? Soltanto la voce affitto per noi arriva ad essere il 10 per cento del fatturato e così vi fate un’idea di cosa possiamo farci con i ristori”.

Ore 10.48 – Stefano Vecciani si ferma, ricomincia a camminare, poi, però, torna indietro e riprende. Questa volta si rivolge direttamente al sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro che definisce un fantasma: “Voglio dire un parola anche sull’amministrazione comunale di Viareggio. E’ da ottobre che cerchiamo un contatto, un contatto che doveva essere importante e costruttivo con il signor Del Ghingaro. Non ci ha mai nemmeno risposto al telefono. Per quel che ci riguarda è un sindaco fantasma. Si nasconde dietro le associazioni di settore che non sono rappresentative a Viareggio. Non c’è un rappresentante Fipe per il nostro settore e le associazioni non sono rappresentative. Si è permesso di promuovere una iniziativa di street food tutti i week-end in pineta con banchetti che vengono dall’estero, ma ci rendiamo conto? Ci viene a fare concorrenza con gente come noi che non abbiamo la possibilità di aprire”.

Ore 11.05 – Gli elicotteri della polizia sovrastano la zona. Il traffico è bloccato. La coda diventa sempre più lunga, ormai si viaggia verso le decine di chilometri. Nessuna intenzione di smobilitare da parte dei ristoratori anche perché ce ne sono molti che stanno arrivando e scavalcano le reti di recinzione dell’autostrada. E’ un manifestazione pacifica che dimostra di come, alla fine, il popolo e la gente che lavora ha il diritto sacrosanto di rispondere ai tentativi di ‘ucciderla’ economicamente e non soltanto. “Lavoro e dignità” gridano e, infatti, non può esistere la seconda senza la possibilità di svolgere il primo.  www.lagazzettadilucca.it

Servizio Tommaso Boggi
 Ristoratori bloccano l’autostrada

Condividi