“Ius soli? Forse vogliono sabotare il governo di Mario Draghi”

draghi ius soli

Dietro il discorso di Enrico Letta ci può solo essere il tentativo di sabotare Mario Draghi. Altrimenti la sparata sullo Ius soli non avrebbe alcun senso. Ne è convinto Francesco Storace che nel suo articolo su Il Tempo, dice: “Quando pronuncia le parole Ius Soli, non si capisce se Enrico Letta torni dalla Francia o scenda direttamente dal pianeta Marte. Perché quell’uscita con cui ha marchiato la sua sbrigativa elezione alla segreteria del Pd”, spiega, “è stata davvero grave in un momento del genere. E il bello è che si era preso pure 48 ore per decidere sull’offerta dei capicorrente, chissà quale sarà stata la sua fonte di ispirazione per lanciarsi a capofitto in una panzana che più grossa non avrebbe potuto”.

Perché l’unica alternativa è che Letta “non si sia assunto il compito del sabotatore. Si, sabotatore del governo di Mario Draghi al quale ha chiesto di far propria la sua bizzarra idea. Come se il nuovo premier non avesse ben altri pensieri per la testa. Ma è indubbio che la sceneggiata sullo ius soli – che non ha alcuna possibilità di vedere la luce senza un passaggio elettorale – serve solo a mettere in fibrillazione la maggioranza che deve compiere lo sforzo di accompagnare l’Italia fuori dalla crisi determinata dalla pandemia”.

In questo momento lo ius soli non ci azzecca davvero nulla

Quindi, ragiona Storace, “chiedere che il governo si faccia carico dello ius soli è come imbottirsi di esplosivo. Un kamikaze in divisa Pd non si era ancora mai visto, è capitato ieri al Nazareno. Viviamo in questo triste momento ben tre emergenze, quella sanitaria, quella economica e quella sociale”.  E ancora, affonda: “Non ricordiamo interventi sullo ius soli dai deputati o dai senatori di sinistra sulle dichiarazioni di Draghi. Forse coltiviamo scarsa memoria. Ma nella condizione in cui ci troviamo, lo ius soli non ci azzecca davvero nulla. Se insiste, l’unico risultato che Enrico Letta ha un biglietto di rapido ritorno per le terre francesi.” 

Lo Ius soli, “semmai serve a indispettire tantissima gente che non riesce più a lavorare e trova enormi difficoltà a poter campare come un tempo. E’ impazzito?”, si chiede Storace. La risposta è “no”, “Letta sa che deve darsi un carisma che non ha e l’unica strada a sinistra quella di una follia immigrazionista che non porta voti ma fa clima nel partito e nei recinti accanto alla sinistra. E bottega di partito, insomma, piuttosto irresponsabile nel momento in cui si chiede a Draghi di poterne parlare col governo”. Insomma, è “sabotaggio”.

www.liberoquotidiano.it

Condividi