Vaccino, Moderna: “Contro le varianti valutiamo la terza dose”

vaccino Moderna

Vaccino Moderna, una corsa contro il tempo, per evitare che le varianti del Covid diventino sempre più preoccupanti: proprio quello che stanno facendo le aziende produttrici di vaccini. Le stanno pensando tutte per neutralizzare ogni tipo di mutazione. “A noi bastano due settimane per sviluppare un vaccino diretto contro una variante del coronavirus”, ha detto  Noubar Afeyan, cofondatore e presidente di Moderna, in un’intervista al Corriere della Sera.

Il vaccino Moderna – come quello di Pfizer – è uno dei farmaci a base di Rna messaggero già disponibili per la popolazione. Afeyan ha spiegato che il vaccino che adesso viene inoculato è stato messo a punto proprio in 14 giorni a partire da gennaio 2020, quando è stato sequenziato il Sars-CoV-2: “Un risultato senza precedenti”.

Vaccino Moderna – possibilità di somministrare una terza dose

Secondo il presidente di Moderna, quindi, potrebbe volerci lo stesso tempo per sviluppare un vaccino specifico contro una variante: “Ci stiamo già lavorando e sta per partire lo studio sui volontari”. Ma non è neanche detto che contro le varianti serva necessariamente un nuovo tipo di farmaco. Secondo Afeyan c’è anche un’altra opzione: “Stiamo per esempio ragionando sulla possibilità di somministrare una terza dose (booster) del vaccino sviluppato sulla sequenza originaria. Dopo la somministrazione, l’organismo produce anticorpi diretti verso molte parti della proteina Spike (quella che permette al virus di entrare nelle cellule): una variante può sfuggire in alcuni punti, ma non in tutti”. Ipotesi controversa, perché di fatto la cavia sarebbe l’essere umano. Ma tant’è. (https://www.liberoquotidiano.it)

Condividi

 

One thought on “Vaccino, Moderna: “Contro le varianti valutiamo la terza dose”

  1. Poi , ci saranno la quarta , la quinta, etc, etc.
    L’importante è credere, obbedire, vaccinarsi.

Comments are closed.