Vaccino Covid, Comitato bioetica: identificare fonti di disinformazione

Sono queste, in sintesi, le indicazioni del Comitato nazionale per la bioetica (Cnb) della Presidenza del Consiglio dei ministri, che oggi ha pubblicato il parere ‘I vaccini e Covid-19: aspetti etici per la ricerca, il costo e la distribuzione’, approvato nel corso della seduta plenaria del 27 novembre.

Il Comitato, ritiene che “debbano essere fatti tutti gli sforzi per raggiungere e mantenere una copertura vaccinale ottimale, non escludendo l’obbligatorietà in casi di emergenza, soprattutto per gruppi professionali maggiormente esposti all’infezione e alla trasmissione della stessa”. E’ auspicabile però che “tale obbligo sia revocato qualora non sussista più un pericolo importante per la società e sia privilegiata e incoraggiata l’adesione spontanea da parte della popolazione”.

Infine, “premessa indispensabile affinché alla pianificazione della distribuzione consegua una accettazione della vaccinazione da parte dei cittadini”, per il Cnb è “una informazione e comunicazione trasparente, chiara, comprensibile, consistente e coerente, basata su dati scientifici sempre aggiornati. Una specifica attenzione dovrebbe essere rivolta alla identificazione delle fonti di disinformazione e falsa informazione. Per una equa distribuzione del vaccino il Comitato raccomanda una discussione multidisciplinare, che includa la riflessione etica, adeguata rispetto alla situazione concreta”. (adnkronos)

Covid, Ricciardi: “Il ritorno alla normalità sarà tra molti anni. Noi scienziati possiamo dirlo, i politici no”
Allora gli ‘scienziati’ spieghino anche a che cosa serve il vaccino…

Le case farmaceutiche ci rieducherranno.
Novartis: ”c’è una fetta di popolazione non allineata con la scienza ufficiale, investiremo sull’alfabetizzazione scientifica”

Novartis: c’è una fetta di popolazione non allineata con la scienza ufficiale

Condividi