Savona: tentano di uccidere ragazza italiana che non vuole sposare un clandestino

Tentano di uccidere una ragazza italiana perché rifiuta di sposare un ragazzo marocchino clandestino. E’ successo ad Alassio (Savona) dove i carabinieri hanno arrestato 7 persone, di cui sei in carcere e una ai domiciliari. All’operazione hanno preso parte tutte le Stazioni della Compagnia di Alassio e quelle della Compagnia di Albenga, il nucleo operativo e radiomobile, gli elicotteristi del 15 NEC e il nucleo cinofili con i cani antidroga Cico, Facolo e Grognar.

Il finto matrimonio si sarebbe dovuto celebrare nel marzo scorso, perché il marocchino irregolare voleva regolarizzare la sua posizione giuridica sul territorio italiano, l’idea era di pagare 5mila euro, 2 mila versati come anticipo per la ragazza. L’accordo fallisce per lo scoppio della pandemia e perché non si trova un accordo con la sposa inizialmente consenziente. I sette non ci stanno e decidono di uccidere la donna mandandola in overdose.

Le indagini dei militari hanno fatto emergere uno spaccato criminale nel quale erano coinvolte altre persone, responsabili di diversi reati: lo spaccio di sostanze stupefacenti ma soprattutto una tentata estorsione nei confronti della sposa e il tentato omicidio della donna con una overdose per ritorsione per essere venuta meno all’accordo matrimoniale.  www.liberoquotidiano.it

Condividi