C’è una sola possibilità di riscatto: cacciare Conte e i suoi giullari, senza riguardi

di Ornella Mariani

Ho letto spiccioli di considerazioni circa il fatto di sangue consumatosi a Napoli nelle ultime ore: la teatralità del dolore familiare, espresso attraverso atti di ingiustificabile vandalismo, è amplificata dal tentativo di trasformare un Balordo in una Vittima il cui Padre esige Giustizia, ma non racconta quale esempio abbia dato a quel Figlio.

L’incriminazione, in realtà, dovrebbe ricadere sui Genitori che dormivano mentre il loro Figlio Minorenne delinqueva. Non era, dunque, un “Bravo Ragazzo”, come certa ipocrita Propaganda assume, ma Uno dei Tanti che da Morto diventa Martire assicurando carriere ai Congiunti, dai quali non sono stati amati da Vivi.

E’ il caso di essere solidali col Carabiniere destinato, in un kafkiano ribaltamento dei ruoli, ad una sentenza annunciata da una Magistratura che manda impuniti Spacciatori; Stupratori; Assassini e che, sempre più presa dalla libera interpretazione e non dalla applicazione delle Leggi, commina il Carcere per Chi evada il Fisco ma non per Chi infetti la Società.

Il conto, poi, torna sempre:
che altro aspettarsi in questo puttanaio, quando non c’è più cultura, ma coltivazione estensiva dell’ignoranza e della imbecillità, fino a rendere Opinionisti un Mescolatore di sughi; un Plagiario che si arricchisce “ispirando” la esaltazione della illegalità; una Vaiassa di turno?
Che altro aspettarsi da un Governo di incompetenti Cialtroni, il cui operato procura al Paese umiliazione; isolamento; sbeffeggiamento e derisione?
Che altro aspettarsi dalla Triade Conte/Casalino/di Maio, il cui “Vairus” ci ha esposto al dileggio mondiale denunciando il reale livello del Governo?
Che altro aspettarsi da un Establishment che investe miliardi sui Migranti e lascia il Paese nella impossibilità di accedere a cure e già a posti letto e strumentazioni di rianimazione?
Che altro aspettarsi da un Presidente della Repubblica privo di disagio, nel vedere l’Italia così squallidamente rappresentata?
Che altro aspettarsi da “Politici” in disaccordo costante, ma decisi a procedere a colpi di Decreti/Legge, mozioni e provvedimenti soffocanti il dibattito parlamentare?

C’è una sola possibilità di riscatto: cacciare Conte, senza riguardi.
Cacciarlo con i suoi Giullari: Quelli che combattevano il virus del presunto Razzismo, facendo Razzismo sulla pelle degli Anziani mentre il morbo già dilagava indisturbato.
Cacciarlo e fargli carico della drammatica crisi economica nella quale ha gettato l’Italia; delle responsabilità conseguenti all’allarmismo iniziale ed alla successiva attenuazione di un evento la cui portata è ancora inverificabile; della gravissima contrapposizione aperta con i Governatori regionali e poi con i Medici, il cui instancabile impegno rivela straordinarie dotazioni deontologiche; della violazione costituzionale del diritto alla Salute; del ruolo di Untori cui ha consegnato gli Italiani presso la Comunità Internazionale; del disordine prodotto dalla sconsiderata e indiscriminata accoglienza, che conduce al disfacimento della nostra Civiltà a proposito della quale c’è da chiedersi quali ricadute genererà la criminale iniziativa del Macellaio turco nello scaricare milioni di Persone… non sottoponibili, sic stantibus rebus, ad alcuna ridistribuzione stante la rivendicazione di sovranità di Quanti ci hanno chiuso le porte in faccia, mentre i Porti della Penisola restano aperti a Soggetti a rischio.

Cacciarlo, senza se e senza ma, poiché la gestione della Emergenza non può restare ancora affidata all’arbitrio di un Incapace la cui provocatoria e insensata condotta dovrebbe essere già sottoposta al vaglio giudiziario.

La situazione è complessa ed il peggio verrà: dal punto di vista pandemico e dal punto di vista economico.
L’Italia ne uscirà stravolta.
Non sarà più la stessa Italia.

Facciamo, allora, in modo di salvare il salvabile non prestandoci al loro gioco: dividerci e isolarci e contrapporci, facendo leva sul nostro sgomento ed avvelenando i rapporti umani.

Non c’è Nord né Sud.
Ci siamo Noi: a prescindere dai volgari vomiti di Idioti la cui Madre è sempre incinta; a prescindere dalla acquiescenza di Mattarella; a prescindere dalla abissale inettitudine della Squadra al potere.
La paura della morte non ci renda schiavi del rifiuto della vita!
E’ quello che vogliono.

Condividi