Proteste in Sudan, bloccato accesso ai social media

Le autorità sudanesi stanno bloccando l’accesso alle popolari piattaforme di social media utilizzate per organizzare e trasmettere proteste anti-governative a livello nazionale, innescate da una grave crisi economica. In Sudan ci sono dimostrazioni quasi quotidiane nelle ultime due settimane. I manifestanti hanno dato fuoco ai palazzi del potere e hanno invitato il presidente Omar al-Bashir, che ha preso il potere nel 1989, a dimettersi.

In un paese in cui lo stato controlla strettamente i media tradizionali, Internet è diventato un campo di battaglia per le informazioni chiave. Secondo i media locali, di 40 milioni di persone in Sudan, circa 13 milioni usano Internet e più di 28 milioni usani telefoni cellulari.

Le autorità non hanno ripetuto l’oscuramento di Internet  imposto durante le micidiali proteste del 2013, ma il capo del Servizio di intelligence e sicurezza nazionale del Sudan, Salah Abdallah, ha detto in una rara conferenza stampa il 21 dicembre: “C’è stata una discussione nel governo sul blocco dei social siti di media e alla fine si è deciso di bloccarli. ”

Gli utenti dei tre principali operatori di telecomunicazioni del paese – Zain, MTN e Sudani – hanno affermato che l’accesso a Facebook, Twitter e WhatsApp è stato possibile solo attraverso l’uso di una rete privata virtuale (VPN).

“I social media hanno un impatto davvero grande e aiutano a formare l’opinione pubblica e a trasmettere ciò che sta accadendo in Sudan all’esterno”, ha detto Mujtaba Musa, un utente sudanese di Twitter con oltre 50.000 follower, molto attivo nel documentare le proteste.

NetBlocks, una ONG per i diritti digitali, ha affermato che i dati raccolti hanno fornito prove di “un ampio regime di censura su Internet”.  (reuters.com)

Vigili del fuoco sparano contro la folla che grida “libertà, libertà”

 

Condividi