M5S: No all’obbligo di democrazia interna per i partiti

 

ROMA, 16 MAG – Via l’obbligo di democrazia interna per partiti e movimenti politici. Lo prevedono tre emendamenti di M5s, alla legge sui partiti di attuazione dell’articolo 49 della Costituzione, su cui si comincerà a votare da domani in Commissione Affari costituzionali della Camera.

Al contrario diversi partiti (Lega, Si, ex M5s) hanno presentato emendamenti cosiddetti “salva Pizzarotti”, perché impongono procedure trasparenti per sanzionare gli iscritti di partiti e movimenti. ansa

Condividi