ONU: Isis guadagna territorio in Libia

 

Libia: agenzia, lavoratori egiziani lasciano sirteROMA, 11 MAR – Il vuoto politico in Libia “viene sfruttato dall’Isis, che ha significativamente ampliato il suo controllo sul territorio”. Lo scrivono esperti del Consiglio di sicurezza dell’Onu in un rapporto. I jihadisti hanno reclutato combattenti a Sirte, in particolare “elementi emarginati dopo la caduta di Gheddafi”.

A Tripoli e Sabrata, l’Isis si è rafforzato anche grazie all’afflusso di combattenti stranieri, tra i quali “diversi europei”, che arrivano in particolare da Tunisia, Sudan e Turchia. Il rapporto segnala un diluvio di armi, in violazione dell’embargo, anche pesanti, compresi elicotteri Mi-8 e caccia Mig-21F, che rifornisce praticamente tutte le fazioni, da Tobruk a Tripoli. Gli esperti puntano l’indice in particolare contro due aziende Usa, Emirati Arabi ed Egitto, ma anche network di trafficanti costituiti da individui. “Le continue violazioni hanno un impatto negativo sulla situazione di sicurezza in Libia e sulla sua transizione politica. (ANSA)

La Libia non puo’ difendersi da Isis a causa dell’embargo ONU sulle armi

Libia, governo Tobruk: ONU tolga l’embargo sulle armi, ci permetta di combattere ISIS

Libia: ministro di Tobruk a Londra, chiede armi per difendersi da Isis

La Libia chiede la rimozione dell’embargo sulle armi

Libia, Haftar a Renzi: “servono armi contro Isis, il prossimo obiettivo siete voi”

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi