Libia: ministro di Tobruk a Londra, chiede armi per difendersi da Isis

isis-ramadi

 

Il ministro degli Esteri del governo libico internazionalmente riconosciuto, incaricato dal parlamento di Tobruk, Mohammed al Dairi, si e’ recato a Londra per chiedere all’omologo britannico, Philip Hammond, di garantire alle forze guidate dal generale Khalifa Haftar la fornitura di munizioni, visori notturni e altre attrezzatura vietate dall’embargo imposto dall’Onu. Lo ha riferito lo stesso capo della diplomazia libica in un’intervista al quotidiano britannico “The Guardian”.

Le autorita’ libiche riconosciute dalla comunita’ internazionale hanno chiesto ai paesi arabi di intervenire con raid aerei per colpire le postazioni dello Stato islamico nel paese nordafricano. La Lega araba, tuttavia, si e’ limitata a garantire un supporto “morale” contro il terrorismo, senza acconsentire alla richiesta di bombardamenti aerei richiesti da Tobruk.

“Non ci aspettiamo che i paesi occidentali partecipino ai raid aerei”, ha detto al Dairi al quotidiano britannico. Il ministro al Dairi e’ atteso anche a Parigi per colloqui con Laurent Fabius, con cui dovrebbe discutere delle ultime decisioni della Lega araba in merito alla situazione in Libia dopo la recente avanzata dello Stato islamico (Is) a Sirte, citta’ natale dell’ex rais Muhammar Gheddafi dove gli scontri tra milizie locali e jihadisti dell’Is hanno causato oltre 2.000 sfollati.
(AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -