Scozia: Goldman Sachs, “gravi conseguenze” se passa l’indipendenza

goldman4 set. – Problemi per la valuta, con una crisi simile a quella dell’eurozona, ma non solo. Goldman Sachs, con uno studio economico appena pubblicato, avverte: l’eventuale indipendenza della Scozia potrebbe portare a “gravi conseguenze” per il resto del Regno Unito che, dopo il voto del 18 settembre, potrebbe trovarsi privo di tutto il territorio – e della relativa economia – a nord del Vallo di Adriano.

Il capo della ricerca, Kevin Daly, scrive: “In caso di un voto per l’indipendenza a sorpresa, le conseguenze a breve termine per l’economia scozzese e per il Regno Unito nel suo complesso potrebbero essere gravemente negative”. Le paure ruotano soprattutto attorno a una possibile unione monetaria fra Scozia indipendente e resto del paese, che potrebbero portare a una “svendita degli asset scozzesi”.
L’unione della sterlina “potrebbe portare a una crisi monetaria in stile europeo all’interno del Regno Unito”. Gli ultimi sondaggi hanno dato il fronte degli indipendentisti al 47% (in notevole rimonta), contro il 53% di chi vuole che la Scozia rimanga nel Regno Unito.  agi

Condividi

 

bresup

Articoli recenti

One thought on “Scozia: Goldman Sachs, “gravi conseguenze” se passa l’indipendenza

  1. E te pareva che goldman sachs non ci metteva lo zampone?
    Ricordiamo che draghi è stato presidente europeo per questa banca dopo le piratizzazioni, anche prodi, monti, tononi e letta hanno o hanno avuto rapporti stretti con questa “banca”.

Comments are closed.