Visco (Bankitalia): per il prossimo governo la via è una sola, mantenimento dell’austerità

16 dic – “La via è una sola” e passa per il mantenimento dell’austerità di bilancio e “una riduzione dei vincoli per agevolare chi fa impresa”. Una via obbligata anche per il governo che succederà all’esecutivo Monti. Anzi, “un governo politico che duri a lungo” ha “tutte le possibilità e anche la responsabilità” di “adottare misure che nel medio periodo conducano verso un sistema produttivo più competitivo, più efficiente e nel quale non ci sia spazio per la corruzione”. È quanto afferma in una intervista alla Stampa, il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco.

Corte dei Conti: ”Austerità e aumento delle tasse sono cura costosa e inefficace”

Buzzetti (Ance): la politica economica di rigore è sbagliata

Disastro Monti, allarme Cna: “il rigore estremo non permette recupero”

Secondo Visco la ripresa economica dovrebbe arrivare nella seconda metà del prossimo anno mentre la vigilanza bancaria europea ci porta verso un sistema unico che aiuterà a calmare ulteriormente i mercati. “Ora servono – aggiunge – una legge bancaria Ue, un fondo comune di garanzia e un meccanismo di risoluzione”.

Le 200 maggiori banche europee passano sotto il controllo della Bce

“La recessione – spiega Visco – sia per l’Italia, sia per la zona euro, proseguirà nel 2013. È inevitabile, entriamo in un anno con un ciclo economico molto negativo, che si protrarrà”, però “nostre analisi suggeriscono che c’è una probabilità di oltre il 50% che la svolta arrivi nel terzo o quarto trimestre del 2013”. tmnews

Condividi