Meluzzi: imporre questa globalizzazione sconsiderata non è democrazia

Il prof. Alessandro Meluzzi: “Al netto di ogni considerazione razionale sulla situazione della politica e dell’economia italiana, credo di poter dire, senza ombra di smentita, che l’Italia sia forse l’unico Paese del mondo nel quale il concetto di dignità, di sovranità nazionale e di dignità collettiva di un popolo viene considerato un pericolo, almeno da una parte del Paese.

La vicenda del povero ragazzo Willy lo dimostra. Il fatto di aver voluto immediatamente considerare questa tragedia come la conseguenza di una certa destra intollerabile dei sovranisti la dice lunga su una strumentalità che viene utilizzata sistematicamente in Italia per accusare gli avversari, da chi attualmente ha la maggioranza di governo.

Per non parlare poi dell’aggressione da parte di quella dipendente comunale congolese a Salvini, che ha scatenato reazioni collettive e certamente non nel senso che avrebbero dovuto avere. E quindi io credo che questa dimensione, in cui essere italiani non conta più niente, ma ci sia una parte del Paese, che è anche una parte del pianeta, che considera essere democratici soltanto federare tutte le minoranze, federare tutte le diversità, appoggiare qualunque forma di immigrazionismo e di globalizzazione sconsiderata, calpestare ogni dignità collettiva nazionale, sia una cosa che forse neppure nella Francia di Macron, neppure nella Germania della Merkel, non parliamo degli Stati Uniti o della Russia o della Cina, sarebbe plausibile.

Questa dissennata politica della sinistra rischia di consumare il Paese e questo strumentalismo che vediamo, anche in questa tragica vicenda di cronaca, ce la dice lunga su come rischiamo di finire.

Per oggi, da “fatti e disfatti” è tutto. Cerchiamo di salvare, insieme alla razionalità, alla civiltà e all’umanità, un po’ della nostra Italia. Buona giornata.”

Alessandro Meluzzi – Medico Psichiatra, Psicologo, Psicoterapeuta, Criminologo. Docente Psichiatra forense. Primate Metropolita Chiesa Ortodossa Italiana

Condividi