Virus Cina, LeU: No allarmismo, genera discriminazione

La situazione Coronavirus “è assolutamente sotto controllo, la cosa più importante è evitare psicosi, allarmismi da cui possono scaturire anche episodi violenti, molto dannosi anche nei rapporti con la Cina”. Durante il vertice a Palazzo Chigi “abbiamo chiesto soprattutto di evitare la psicosi collettiva, dunque informazioni adeguate per evitare che continuino ad alimentarsi allarmismi”.

Lo dice la presidente dei senatori di Liberi e uguali, Loredana De Petris, lasciando Palazzo Chigi.La richiesta dei governatori leghisti, ovvero di non far rientrare a scuola i bambini che rientrano dalla Cina per due settimane, “è un altro esempio di come si esagera dando vita a elementi di discriminazione”. (Adnkronos)

Condividi